Sei in: Home » Articoli

Cassazione i commenti sprezzanti su Facebook non costituiscono diffamazione. Ma ad una condizione!

Nel caso di specie si trattava di commenti generici su un articolo di cui però non si menzionavano gli autori
Rappresentazione grafica dei commenti
C'è davvero libertà di lasciare commenti negativi su Facebook? O forse no?

Prima di lasciarci andare a facili entusiasmi è meglio fare bene attenzione a ciò che si posta su Facebook come dimostra la vicenda di quattro cibernauti finiti sotto processo per aver lasciato commenti negativi su un articolo pubblicato su una rivista e apparso anche nel social network di Zuckerberg.

La Corte di Cassazione (sentenza n. 20366 del 15 maggio 2015 qui sotto allegata)  occupandosi del caso  ha confermato il proscioglimento dei quattro autori dei commenti "incriminati" che però, si sono salvati "per le penne", ovvero  per la  genericità delle parole utilizzate.

L'accusa per diffamazione era partita perché i quattro indagati, traendo spunto da un articolo apparso un un quotidiano e pubblicato su Facebook  avevano fatto commenti sprezzanti nei confronti dei giornalisti che lo avevano scritto.

Il giudice dell'udienza preliminare aveva pronunciato sentenza di non luogo a procedere  per insussistenza del fatto ed aveva osservato che si trattava di post generici, in cui non erano menzionati gli articolisti e neppure il giornale in cui era apparso l'articolo. La genericità dei commenti non poteva dunque consentire di individuare persone come parti lese.

Su ricorso della Procura il caso  finiva in Cassazione ma gli Ermellini hanno  convalidato la decisione del giudice dell'udienza preliminare di assolvere gli imputati non potendosi considerare consumata la diffamazione in mancanza di "alcuna correlazione tra i commenti apparsi su Facebook e gli autori dell'articolo".

Cassazione Penale, testo sentenza 20366/2015
(19/05/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF