Sei in: Home » Articoli

C'è qualcosa di nuovo... anzi, d'antico: l'affido condiviso con collocamento alternato

Un'ordinanza del Tribunale di Ravenna
bambini figli infanzia
Anche a distanza di tempo, continua la vivace reazione degli operatori del settore all'ordinanza del Tribunale di Ravenna, con la quale il giudice, in sede di separazione, "considerata la, allo stato, inesorabile gravissima conflittualità esistente tra i coniugi ritenuti neppure in grado di affrontare un percorso di mediazione familiare", disponeva l'affido condiviso della figlia minore con collocamento alternato settimanale a rotazione annuale presso i due genitori
A tale soluzione, ritenuta dal Tribunale romagnolo "l'unica soluzione idonea per tutelare al massimo la tranquillità e serenità della minore", conseguiva altresì l'obbligo per ciascun genitore di provvedere al mantenimento diretto della figlia nei periodi di rispettiva permanenza, ad eccezione delle spese di natura straordinaria, gravanti sui genitori in parti uguali. 

Per risolvere la vicenda, si ricorda, il giudice disponeva una CTU atta ad accertare la capacità genitoriale dei coniugi e stabilire il miglior regime di affidamento della minore nell'esclusivo interesse della stessa, all'esito della quale emergeva chiaramente la necessità di instaurare un rapporto genitoriale paritetico per ridurre la conflittualità tra i coniugi e salvaguardare l'interesse della figlia. A ben vedere, si tratta della mera applicazione letterale degli artt. 337 ter e quater c.c., secondo cui il figlio minore ha diritto a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori e l'affidamento può essere disposto in via esclusiva unicamente se ciò è conforme all'interesse del minore

L'ordinanza del Tribunale di Ravenna, quindi, è il sorprendente risultato della corretta applicazione del diritto: ricollocando nel giusto rapporto di regola ed eccezione l'affido condiviso e quello esclusivo anche nelle situazioni di grave conflittualità coniugale, si pone in contrasto con la giurisprudenza assolutamente predominante e ribadisce il diritto del minore alla bigenitorialità, che assicura agli stessi genitori pari dignità attribuendo i medesimi diritti e i medesimi doveri ad entrambi.

Avv. Laura Bazzan
(02/05/2015 - Avv.Laura Bazzan)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF