Diritto di Famiglia

Cassazione: addebito della separazione al coniuge "dispotico". Viene leso il principio di pari dignità dei coniugi

Se i coniugi esercitano congiuntamente un'attività economica essi debbono collaborare in posizione paritaria
separazione
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione sesta, sentenza n. 8094 del 22 Aprile 2015. 

Se i coniugi esercitano insieme un'attività imprenditoriale è legittimo addebitare la separazione a carico di chi, nella gestione dell'impresa familiare, pretende di gestirla da solo. 

E' quanto ha statuito la Cassazione nella sentenza in oggetto, in cui la Corte si è occupata del caso di una donna che lamentava di essere stata vittima, in ambito lavorativo, di continue vessazioni da parte del marito.

I giudici di merito avevano respinto la richiesta della donna di addebitare al marito la separazione ma la donna si è rivolta alla suprema Corte che invece le ha dato ragione. 

Sulla base delle norme che impongono ai coniugi doveri reciproci di collaborazione e di concorde determinazione dell'indirizzo di vita familiare, “se i coniugi esercitano congiuntamente un'attività economica per trarne i mezzi di sostentamento della famiglia essi debbono collaborare in posizione paritaria nell'esercizio e nella gestione dell'attività comune senza che l'uno possa pretendere di gestirla ad esclusione dell'altro”. 

Il comportamento dispotico del marito, assunto durante la gestione dell'impresa familiare, è stato dunque idoneo a ledere, nel tempo, l'affectio coniugalis, ed è quindi qualificabile come elemento di addebito della separazione

La dipendenza psicologica del coniuge più debole (in questo caso, della moglie) non deve dunque comportare una lesione dei diritti e dei doveri matrimoniali previsti dalla legge. 

In quest'ottica, attraverso tale comportamento, il marito avrebbe leso il principio di pari dignità dei coniugi. Il ricorso è accolto e la sentenza cassata con rinvio. Qui sotto il testo integrale della sentenza.
Cassazione civile, testo sentenza 8094/2015
(26/04/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF