Sei in: Home » Articoli

Inciampa in un tombino sporgente e non segnalato? La colpa è del pedone che vi ha camminato sopra

Nessuna responsabilità per il Comune. PerlaCassazione il pedone poteva evitare il danno tenendo una condotta prudente
Tombino per il deflusso delle acque

di Marina Crisafi - Non ha diritto al risarcimento danni il pedone che inciampa in un tombino sporgente e non segnalato, perchè tenendo una condotta prudente ed evitando di camminarci sopra avrebbe potuto evitare il danno. 

È questo, in estrema sintesi, quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con sentenza n. 7636 del 15 aprile 2015, pronunciandosi sulla richiesta di risarcimento danni avanzata da una donna nei confronti del comune di Milano per le gravi lesioni riportate (frattura del setto nasale) a seguito della caduta provocata da un tombino sporgente e non segnalato posto sul marciapiede vicino casa.

Vedendo rigettate le istanze in entrambi i gradi di giudizio, la signora aveva adito la Cassazione per ottenere la condanna del Comune e sentir affermare le proprie ragioni.

Ma per la Cassazione la colpa è sua!

È vero, infatti, ha dichiarato la sesta sezione civile, che il tombino presentava una sporgenza di circa 3-4 cm e che, come dichiarato nel verbale dei vigili urbani, era emersa la necessità di metterlo in sicurezza con pronto intervento (poi eseguito visto che secondo la legge regionale i tombini avrebbero dovuto essere “a filo strada”). Tuttavia, è anche vero che la condotta imprudente della donna è tale da integrare il caso fortuito idoneo ad interrompere il nesso causale e ad escludere qualsiasi responsabilità dell'ente.

Decisivo, infatti, il fatto che il tombino era visibile e posto al centro di una zona dissestata (emergente dalle foto agli atti come di colore più scuro) e che, abitando la donna a pochi metri di distanza dal marciapiede “incriminato”, questo presumeva la conoscenza dei luoghi da parte della stessa.

Pertanto, ha deciso la S.C., rigettando il ricorso, ciò è sufficiente per ritenere che l'incidente avrebbe potuto essere evitato da un incedere prudente della danneggiata, la quale invece ha adottato una condotta azzardata camminando sopra il tombino. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF