Sei in: Home » Articoli

Mutui e prestiti: come verificare se si Ŕ in presenza di un tasso usurario

I criteri dettati dalla legge 108/96, le tabelle con i tassi soglia e le risorse di calcolo online
usura euro europa fallimento crisi
Chi ha contratto un mutuo o un prestito e ha il sospetto che ci sia stata un p˛ troppa "disinvoltura" nell'applicazione dei tassi di interesse, ha la possibilitÓ di verificare la sua posizione debitoria e ottenere non solo la ridefinizione del tasso applicato ma anche la restituzione di quanto pagato in eccedenza. E' anche possibile agire richiedere il risarcimento di eventuali danni in sede civile e intraprendere iniziative penali per il reato d'usura.

Ma quando un tasso di interesse viene considerato usurario?

Probabilmente se il debito Ŕ risalente nel tempo c'Ŕ bisogno di una verifica "storica" dei tassi di soglia d'usura.  Secondo quanto dispone l'art. 2 della legge 108/96, il calcolo va fatto sulla base dei dei tassi medi rilevati trimestralmente dal Ministero del Tesoro. I tassi soglia si calcolano fino al 14 maggio 2011 (data di entrata in vigore del D.L. 70/2011) aumentando della metÓ i tassi medi pubblicati dal Ministero del Tesoro.

Per il periodo successivo, secondo le disposizioni del citato D.L. 70/2011 i tassi si calcolano aumentando del 25% i tassi medi e aggiungendo 4 punti percentuali. Secondo le disposizioni introdotte dal D.L. 79 inoltre, la differenza tra il limite e il tasso medio non puo' essere superiore a otto punti percentuali. 
Testo dell'art. 2 della legge 108/96
1. Il Ministro del tesoro, sentiti la Banca d'Italia e l'Ufficio italiano dei cambi, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari iscritti negli elenchi tenuti dall'Ufficio italiano dei cambi e dalla Banca d'Italia ai sensi degli articoli 106 e 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, nel corso del trimestre precedente per operazioni della stessa natura. I valori medi derivanti da tale rilevazione, corretti in ragione delle eventuali variazioni del tasso ufficiale di sconto successive al trimestre di riferimento, sono pubblicati senza ritardo nella Gazzetta Ufficiale.
2. La classificazione delle operazioni per categorie omogenee, tenuto conto della natura, dell'oggetto, dell'importo, della durata, dei rischi e delle garanzie e' effettuata annualmente con decreto del Ministro del tesoro, sentiti la Banca d'Italia e l'Ufficio italiano dei cambi e pubblicata senza ritardo nella Gazzetta Ufficiale.
3. Le banche e gli intermediari finanziari di cui al comma 1 ed ogni altro ente autorizzato alla erogazione del credito sono tenuti ad affiggere nella rispettiva sede, e in ciascuna delle proprie dipendenze aperte al pubblico, in modo facilmente visibile, apposito avviso contenente la classificazione delle operazioni e la rilevazione dei tassi previsti nei commi 1 e 2.
4. Il limite previsto dal terzo comma dell'articolo 644 del codice penale, oltre il quale gli interessi sono sempre usurari, e' stabilito nel tasso medio risultante dall'ultima rilevazione pubblicata nella Gazzetta Ufficiale ai sensi del comma 1 relativamente alla categoria di operazioni in cui il credito e' compreso, aumentato di un quarto, cui si aggiunge un margine di ulteriori quattro punti percentuali. La differenza tra il limite e il tasso medio non puo' essere superiore a otto punti percentuali.

Strumenti e tabelle per verificare se il tasso Ŕ usurario

Non Ŕ difficile individuare il tasso effettivo globale medio, ogni tre mesi infatti il portale online della Banca d'Italia, rende noto il tasso medio a cui Ŕ possibile scambiare denaro (vedi: bancaditalia.it/co.../tegm/index.html). Dalla stessa pagina Ŕ possibile scaricare le tabelle in PDF e i file con le serie storiche.

Anche nel sito di Altroconsumo Ŕ possibile verificare se il tasso di interesse per mutui e prestiti Ŕ usurario (Vedi: altroconsumo.it/soldi/.../...usuraio). Lo strumento consente lo sviluppo di un calcolo abbastanza complesso ed Ŕ necessario inserire diverse informazioni sui tassi e sulle spese accessorie. 

Se volete effettuare un calcolo veloce potete fare riferimento a una risorsa messa a punto dalla Collega Anna Andreani alla pagina avvocatoandreani.it/servizi/calcolo_tasso_usura.php
E' anche possibile ospitare questa risorsa nel proprio sito internet mostrando un box di calcolo come questo:


Che cosa fare se il tasso applicato supera il tasso soglia? 

Se si scopre che i tassi applicati sono usurari, si ha diritto al rimborso degli interessi ma occorre anche valutare (soprattutto nei casi in cui il mutuo o il prestito Ŕ in essere da diversi anni) la possibilitÓ di agire in sede civile (per il risarcimento dei danni eventualmente subiti) e in sede penale (per l'accertamento delle responsabilitÓ da reato).

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/04/2015 - G.C.)
Le pi¨ lette:
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF