Carceri care e sovraffollate. I dati di Antigone

Carceri care e sovraffollate. I dati di Antigone
prigione

di Marina Crisafi - Certo lo “svuota-carceri” e le altre misure adottate dall'attuale legislatura hanno prodotto qualche risultato: la popolazione carceraria, infatti, è scesa a 53.982 detenuti rispetto al picco degli oltre 62mila del 2013. Ma l'Italia è ancora ben lontana dal raggiungere quel concetto di “dignità” richiesto dall'Europa per non incorrere di nuovo nelle sanzioni per violazione dei diritti umani.

A fotografare la situazione (non confortante) degli istituti di pena “nostrani” è l'XI rapporto di Antigone, l'osservatorio che dalla fine degli anni '90 si occupa di monitorare e raccontare le condizioni dei penitenziari italiani.

Dai dati del rapporto, presentato in questi giorni e intitolato “Oltre i tre metri quadri”, emerge, infatti  come, nonostante il calo avvenuto (di circa 8.500 unità), il sovraffollamento sia ancora pari al 100,8%, con oltre 4.000 detenuti in più rispetto ai posti regolamentari delle carceri del Paese (pari a 49.943 secondo il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria).

Il dato, peraltro, sottolinea Antigone, non tiene conto delle “situazioni transitorie”, ovvero dei reparti chiusi per ristrutturazioni e manutenzione, che comportano un aumento temporaneo del tasso di sovraffollamento portandolo a 118%.

Quanto alla popolazione carceraria, dei quasi 54mila detenuti, emerge dal rapporto oltre il 30% è costituito da stranieri, il 34,8% è in carcere ancora in attesa di una condanna definitiva, mentre il 4,3% è costituito da donne.

Per quanto riguarda il carcere duro, sono 725 i sottoposti al regime del 41-bis e oltre 500 i collaboratori di giustizia protetti nei penitenziari, mentre tra i detenuti ci sarebbero anche 14 soggetti accusati o condannati per terrorismo di matrice jihadista.

La situazione non è migliore sul fronte dei suicidi segnando un aumento rispetto allo scorso anno e attestandosi sul 7,7% ogni 10mila detenuti, contro il 5,4% della media europea. Nel dettaglio: 9 i suicidi già avvenuti dall'inizio del 2015 e 44 quelli totali nel corso del 2014, mentre sono oltre 900 quelli tentati e quasi 7mila gli atti di autolesionismo.

Altra nota dolente riguarda la spesa del sistema carcerario che in termini di costi di gestione e di personale si attesta tra i più alti d'Europa. Quasi l'83% delle uscite, infatti, serve a pagare gli stipendi mentre soltanto l'11,5% è utilizzato per l'assistenza, il mantenimento e la rieducazione dei detenuti. Sul fronte delle misure cautelari, sono oltre duemila i braccialetti elettronici in uso, per i quali solo il noleggio costa quasi 2 milioni e mezzo di euro.

Per contro, evidenzia il rapporto, l'Italia è tra i Paesi più sicuri al mondo con un calo complessivo dei reati pari al 14%. A diminuire sono sia gli omicidi (-11,7%) che le rapine (-13%) e i furti (-1,5%). 

Scarica la sintesi del Rapporto Antigone
(22/03/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF