Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il fatto di essere incensurati non esclude la pericolositÓ. Si alla misura cautelare dei domiciliari per commercialista che ha coperto attivitÓ di riciclaggio

Il fatto che un imputato sia incensuato non significa che non sia pericoloso
prigioniera carcere detenuta
Il fatto che un imputato sia incensurato non significa che non sia pericoloso dato che la pericolositÓ pu˛ essere desunta dai suoi comportamenti e dagli atti concreti posti in essere che consentono di valutare la personalitÓ di chi ha commesso un reato.

E' quanto afferma la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 43130 del 15 ottobre 2014 occupandosi della vicenda di una commercialista nei cui confronti era stata disposta la misura cautelare degli arresti domiciliari per aver coperto con le sue attivitÓ professionali un cliente accusato di riciclaggio
Per la Suprema Corte Ŕ risultata chiara la volontÓ della professionista di schermare e ripulire il denaro illecito con la sua attivitÓ di commercialista, e pur essendo incensurata i domiciliari sono legittimi sia per la gravitÓ indiziaria delle prove acquisite in fase processuale, sia per la possibilitÓ che le prove e i documenti legati al processo venissero inquinati.

La commercialista aveva infatti coperto il riciclaggio di denaro di un suo cliente, monsignor S., simulando delle finte donazioni finanziarie da parte di soggetti terzi e finalizzate all'indebita introduzione di fondi proveniente dai conti IOR del suo cliente e destinati al pagamento di un mutuo riferito a una proprietÓ immobiliare del prelato. 
Un comportamento perpetuato nel tempo e interrotto solo dal licenziamento della commercialista da parte del nipote del monsignore, giustificato non dal fatto in oggetto, ma dalla possibilitÓ che la donna, insieme al suo compagno, avesse sottratto alcune opere d'arte dalla casa dello zio.

La Corte con la sua sentenza conferma dunque la legittimitÓ della misura cautelare disposta ossia gli arresti domiciliari, con possibilitÓ di comunicare soltanto con i parenti pi¨ prossimi: i contatti con l'esterno devono essere proibiti sia per la possibilitÓ di recidiva sia per il possibile tentativo di inquinare prove del processo di riciclaggio di denaro a carico del suo cliente.
Qui sotto il testo della sentenza.
Corte di Cassazione sentenza n. 43130/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/10/2014 - Michela M.)
Le pi¨ lette:
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF