Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la CTU è un "atto compiuto nell'interesse generale della giustizia". Giudice può compensare queste spese

giudice sentenza martello

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 14300 del 24 Giugno 2014. 

La compensazione tra le parti delle spese inerenti la consulenza tecnica d'ufficio, non avendo natura di condanna ma solo esclusione del rimborso rende legittima la decisione del giudice di ripartire in parti eguali tra la parte soccombente e quella vittoriosa le spese sostenute in corso di causa per l'espletamento della ctu. 

Nel caso preso in esame dai giudici di piazza Cavour, il ricorrente (che aveva ottenuto nel giudizio di merito una sentenza favorevole), aveva lamentato dinanzi ai giudici di legittimità che la sentenza di merito aveva ingiustamente ripartito le spese della consulenza tecnica d'ufficio tra le parti mentre, a suo dire, tali spese dovevano essere poste totalmente a carico della parte soccombente.

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso soffermandosi sulla natura giuridica della consulenza tecnica d'ufficio, che va considerata come un ausilio a disposizione del giudice fornito da un esperto esterno e non tanto come mezzo di prova in senso proprio. 

In quest'ottica la ctu può essere qualificata come un “atto compiuto nell'interesse generale della giustizia”, dunque nell'interesse comune delle parti nell'ambito dell'attività di ricerca della verità. Motivata adeguatamente la decisione di compensare tali spese, tenuto anche conto del comportamento delle parti in sede extraprocessuale, appare legittima.

In particolare la Corte evidenzia come il giudice di merito abbia applicato correttamente il potere discrezionale che gli è conferito dall'articolo 92 del codice di procedura civile dal momento che, nel caso di specie, era stata rilevata una sproporzione fra la somma richiesta e quella liquidata. Qui di seguito il testo della sentenza.


Vai al testo dell'ordinanza 14300/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/07/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF