Sei in: Home » Articoli

Sinistro stradale: errore materiale nel Cid, l'assicurazione deve pagare ugualmente

auto blu strada rc autovelox

Se nel Cid, compilato dalle parti, si sbaglia a trascrivere il luogo del sinistro, l'assicurazione deve comunque pagare, perché si tratta di un mero errore materiale. 

Con questo principio, enunciato nella sentenza n. 11368 del 22 maggio 2014, la Cassazione torna a pronunciarsi sul valore probatorio del modello di constatazione amichevole.  

Dopo aver, di recente affermato con ordinanza n. 3875 del 19 febbraio scorso, commentata su questo portale (vedi: Il valore probatorio della C.A.I (o CID) nel procedimento di risarcimento del danno)  che il Cid non ha valore di piena prova, neanche della confessione resa nello stesso dal responsabile del sinistro, ma è soggetto alla libera valutazione del giudice, nella vicenda de qua, la S.C. si esprime a favore dell'assicurato, sostenendo che se la compagnia assicurativa non riesce ad indicare circostanze rilevanti, contestando solo l'inesattezza e l'incompletezza delle dichiarazioni contenute nel modulo, il verbale firmato dalle parti fa piena prova, anche se indica un luogo diverso del sinistro rispetto a quello successivamente accertato. 

Secondo la Corte, infatti, l'errore materiale non incide sulla veridicità degli altri dati contenuti nel Cid, per cui in assenza di altre contestazioni, da parte dell'assicurazione, eccetto quelle ricadenti sulla semplice inesattezza topografica, il giudice dovrà limitarsi a valutare se il contesto probatorio risultante dal modulo sia compatibile con la dinamica del sinistro e i danni da esso prodotti e, di fronte, all'ammissione di responsabilità del danneggiante, considerare certa l'esistenza del fatto dannoso ed accogliere la domanda risarcitoria. 

(28/05/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF