Sei in: Home » Articoli

Cassazione:art.73 comma quinto d.p.r 309/1990,la lieve entità è ora reato autonomo e non più circostanza attenuante ad effetto speciale

giudice sentenza martello cassazione

Avv. Maria Manuela Leuzzi 

Il  d.l. 23 dicembre 2013 n.146 ( cd. Decreto Svuota-Carceri) ha apportato delle significative innovazioni in materia di reati concernenti le sostanze stupefacenti.

In particolare, l'art. 2 lett. a) del decreto modifica il quinto comma dell'art.73 d.p.r. 309/1990 prevedendo pene più esigue per i reati contemplati nell'articolo de quo, qualora i fatti contestati siano di lieve entità, alla stregua dei parametri ivi dettati.

Nello specifico, tali parametri (quali i mezzi, la modalità, le circostanze dell'azione, la qualità e quantità delle sostanze) avrebbero la funzione di attribuire un minore grado di offensività alle condotte previste dalla fattispecie suddetta.

E ciò, tenendo soprattutto in considerazione la circostanza per la quale la previsione normativa di cui al comma quinto dell' art. 73 d.pr. 309/1990 viene ora riqualificata, dalla giurisprudenza di legittimità, quale titolo autonomo di reato e non più come circostanza attenuante ad effetto speciale.

A tal riguardo, la Suprema Corte di Cassazione ha evidenziato l'intento del legislatore che ha mutato la qualificazione giuridica della norma facendo rilevare altresì come, con l'inserimento all'art. 2 lett. a) di una clausola di salvezza (“ salvo che il fatto non costituisca più grave reato”), lo stesso abbia voluto dare risalto all'esclusione della configurabilità di un “più grave reato” ; ragione per la quale, va da sé che tale fattispecie contempli condotte caratterizzate da una minore carica di offensività giuridica.

Tra l'altro, l'espressa previsione di un soggetto attivo (“chiunque”) , di una condotta (“commette”) e il conseguente abbassamento del limite massimo edittale della pena detentiva (da sei a cinque anni di reclusione) sono tutti - a dire degli Ermellini - indici sintomatici della volontà del legislatore di incriminare in maniera autonoma fatti-reati connotati da “lieve entità” e, pertanto, suscettibili di un minore rigore punitivo ( Cass.pen. 7363/2014).

Pertanto, non può trascurarsi la ratio posta alla base della novella il cui obiettivo primario è quello di ridurre la presenza dei tossicodipendenti nella popolazione carceraria, spesso detenuti per aver commesso reati ricadenti sotto il quinto comma dell'art.73 d.p.r.309/1990.

Ovvia conseguenza di ciò è che la nuova previsione normativa è indubbiamente più favorevole per l'imputato comportando, quindi, l'applicazione di una pena edittale inferiore.

Manuela LeuzziAvv.Maria Manuela Leuzzi del foro di Lamezia Terme - profilo e articoli
Via Scaramuzzino 172 - 88046 Lamezia Terme (CZ)
Tel e fax: 0968.29229
e-mail : avvocatomleuzzi@libero.it
Contatto facebook: manuela.leuzzi@facebook.com

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/04/2014 - Avv. Maria Manuela Leuzzi)
Le più lette:
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
» Bollo auto: se non paghi entro 3 anni radiazione sicura
» Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
» Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
In evidenza oggi.
Tirocini giudiziari: al via le borse di studio da 400 euro. Domande entro il 26 marzo
Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF