Sei in: Home » Articoli

Il rapporto di filiazione può essere provato con foto o dichiarazioni dei familiari

giudice sentenza martello
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto; email: barbara.pirelli@gmail.com

Si sa, nella vita molte cose restano ignote e,qualche volta, nell'elenco di ciò che non si conosce ci sono i propri genitori.
E' il caso di bambini adottati oppure nati e vissuti con una madre senza aver mai avuto modo di conoscere il loro padre naturale.

Possono essere diverse le motivazioni che inducono a volte una donna a non rivelare l'identità del padre, ma, raggiunta la maggiore età,  un figlio potrebbe decidere di presentare al Tribunale una domanda per il "riconoscimento giudiziale della paternità". 

Ed è esattamente è quello che ha fatto una donna di Lecce che aveva sostenuto di essere la figlia di un uomo (ch epoi aveva perso la vita) basando le sue prove sulle dichiarazioni scritte di alcuni parenti del presunto padre e su alcune foto che la ritraevano da bambina. La corte d'Appello di Lecce le dava ragione ma avverso il provvedimento veniva presentato ricorso in Cassazione da un erede, che evidentemente non aveva alcuna intenzione di dividere l'eredità con la donna.

Gli Ermellini, con la sentenza n. 4175 del 21 febbraio 2014 hanno  confermato la decisione della corte d'appello di Lecce spiegando che gli elementi probatori acquisiti (cioè sia le dichiarazioni scritte dei parenti del presunto padre sia le foto della donna con il padre nella propria abitazione, da bambina e da adolescente)  possono ritenersi idonei a dimostrare la paternità.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/02/2014 - Avv. Barbara Pirelli)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF