Sei in: Home » Articoli

La dichiarazione accusatoria di un minore e' comunque attendibile anche se presenta incongruenze che riguardano elementi non essenziali.

sentenza libri cassazione
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto
E-mail: barbara.pirelli@gmail.com
Il caso affrontato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 600 del 9 gennaio 2014, vede come protagonista un uomo che era stato condannato in primo grado e in appello per il reato di lesioni in danno di minore  e di minacce in danno dello stesso minore e di altri minori.
L'uomo che aveva avanzato la richiesta di giudizio "abbreviato condizionato" all'audizione di quattro testimoni, si era visto rigettare la suddetta richiesta per incompatibilità con le finalità del rito;inoltre, la responsabilità dell'uomo era emersa dalle dichiarazioni dei minori che erano stati testimoni oculari dei fatti.
Le dichiarazioni degli stessi erano state ritenute attendibili, nonostante presentassero delle incongruenze ma solo su dettagli non essenziali ai fini della credibilità della vicenda. 
In buona sostanza, la discordanza delle dichiarazioni riguardava la localizzazione della lesione subita dal minore; in pratica due testimoni riferivano che la lesione avesse interessato la spalla destra mentre un altro testimone parlava di lesione sulla spalla sinistra; le discrasie testimoniali avevano interessato anche un altro elemento del racconto e cioè per un testimone l'imputato aveva impugnato il coltello con la mano sinistra mentre un altro testimone ricordava la mano destra.
In merito a ciò gli Ermellini hanno fatto rilevare che nella sentenza impugnata dall'uomo le discordanze presenti nella ricostruzione dei fatti non erano assolutamente illogiche, inoltre i ricordi sbiaditi su alcuni dettagli facevano riferimento ad aspetti non essenziali della vicenda.
Dunque, la responsabilità dell' uomo, per i fatti a lui contestati, e' emersa sulla base delle dichiarazioni accusatorie formulate dai minori, anche se le stesse presentavano delle discrasie nel racconto relativamente ad alcuni dettagli.
Quindi, secondo la Suprema Corte le disarmonie contenute nelle dichiarazioni testimoniali erano tranquillamente superabili perché si riferivano ad aspetti non essenziali della vicenda; logica conseguenza e' stata quella di ritenere le suddette testimonianze attendibili perché hanno,comunque, garantito un "profilo logico argomentativo."
(16/01/2014 - Avv.Barbara Pirelli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF