Sei in: Home » Articoli

Femminicidi: giustizia incosciente?

violenza donne stalking femminicidio
di Barbara LG Sordi -
So che per molti l'estate è già iniziata, e con essa la voglia di svago e spensieratezza. Mi spiace quindi turbare questi sacrosanti desideri, ma di fronte a certe notizie, molto brutte e tristi, non riesco veramente a far finta di nulla.

Avrei preferito scrivere un pezzo sull'empasse politica o sul "white strike" dei pidiellini in onore del loro leader. Avrei, appunto, ma invece preferisco parlare di una ragazza di 25 anni, palermitana e con un bimbo di due anni. Il suo nome, Rosi Bonanno, è balzato ieri alla cronaca perché è stata brutalmente uccisa dal suo ex-convivente Benedetto Conti. Dieci coltellate inferte dopo una, molto probabile, lite. dettaglio agghiacciante dello scenario: il loro bimbo stava dormendo. E quando il cadavere della donna è stato scoperto da suo padre il bimbo era in lacrime sul divano di casa. È il caso, non banale, di dire che è l'ennesima vittima della violenza maschile, ma purtroppo anche una vittima della giustizia.

La vergogna che circonda questa storia è strettamente legata alla vicenda giudiziaria dei due, la vittima aveva infatti denunciato per ben sei volte il suo carnefice. Denunce per stalking, un reato fino a qualche anno fa nemmeno considerato nel codice penale, ma che con la spinta della Carfagna (che nonostante il passato da ex-soubrette ed altre inscrivibili attività presunte, ha fatto forse più di molte altre attiviste politiche di vecchia data) è, o meglio dovrebbe, essere assurto a delitto degno anche di sette anni di carcere. Ed infatti il signore, con ben sei denunce, si trovava in libertà. Complimenti.

Ha ragione la madre della Bonanno a inveire contro le Forze dell'Ordine, e implicitamente contro lo Stato, affermando che "ora che mia figlia è morta siete venuti tutti. Ma per due anni no, per due anni di denunce no. E ora mia figlia è morta. l'avete tutti sulla coscienza. Questa non è giustizia, lui avrebbero dovuto rinchiuderlo". Triste anche sapere che i servizi sociali stavano valutando se trasferire mamma e bimbi in una comunità, così da poterli proteggere. Il pericolo era stato dunque riconosciuto, perché allora non fare nulla contro l'uomo? Forse che lo stalking non è realmente entrato nella testa, o nelle agende, di giudici o delle forze dell'ordine? E se così fosse quante donne ancora dovranno rischiare di essere uccise o brutalizzate?
Email barbaralgsordi@gmail.it
(12/07/2013 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Conversione del pignoramento: la duplice ratio dell'art. 495 Cpc
» Diritti d'autore: pagare la Siae non basta, Soundreef ottiene decreto ingiuntivo per concerto Fedez
In evidenza oggi
Addio compenso per l'avvocato poco accortoAddio compenso per l'avvocato poco accorto
Vietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famigliaVietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famiglia
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF