Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condannabile per maltrattamenti in famiglia chi offende la moglie che non lavora

divorzio separazione lite
È reato offendere la propria moglie che, non avendo un lavoro, non contribuisce al sostentamento materiale della famiglia. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato la condanna a 2 anni di reclusione inflitta dalla Corte d'appello di Lecce nei confronti di un 48enne per maltrattamenti in famiglia.

L'uomo era solito vessare la moglie con epiteti offensivi e spesso le faceva pesare il fatto di non contribuire al menage familiare e di essere a suo carico poiché ancora impegnata negli studi universitari. Ad aggravare la situazione anche un tentativo di violenza sessuale in un periodo in cui si stavano separando.

La motivazione della sentenza della Suprema Corte (n. 40845/2012), poggia principalmente sui "caratteri di ripetitività degli episodi di violenza morale e fisica". L'uomo era infatti "solito offendere la moglie rivolgendosi a lei con epiteti infamanti ed umilianti, facendole pesare di essere a suo carico non percependo un proprio reddito, si' da instaurare un regime di vita logorante, volto al continuo discredito della moglie, annientandone la personalità".

In quanto alla violenza sessuale la corte fa anche notare che ciò che conta, al fine di configurare il reato, è "la sussistenza di un'offesa al bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice, cioè la libertà di autodeterminazione in ambito sessuale", e, prosegue la sentenza, non può "ritenersi rilevante il particolare contesto in cui è stata posta in essere, caratterizzata dall'esistenza di un rapporto coniugale fra la vittima e l'imputato, da poco tempo naufragato, e le motivazioni del tentativo di recuperare il rapporto matrimoniale, prese in considerazione dai giudici di appello per riconoscere l'attenuante".
(19/10/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF