Sei in: Home » Articoli

Cassazione: reato far scrivere 100 volte ad un alunno 'sono un deficiente', condannata professoressa

scuola docenti id11693
Far scrivere ad uno studente di 11 anni per cento volte “sono un deficiente” sul quaderno è reato. È quanto stabilito dalla Cassazione, che ha confermato la condanna in appello nei confronti di una professoressa che aveva sottoposto un suo alunno alla bizzarra punizione. Secondo la sentenza della Suprema Corte, l'insegnante, con cattedra in una scuola media statale di Palermo sarebbe stata colpevole di “aver abusato dei mezzi di correzione e di disciplina” nei confronti dell'alunno, di averlo “mortificato nella dignità” venendo meno al “processo educativo in cui è coinvolto un bambino”. Nessuna giustificazione quindi per la professoressa, che avrebbe punito l'allievo a causa di “un atteggiamento derisorio ed emarginante nei confronti di un compagno di classe”.

"Non può ritenersi lecito l'uso della violenza, fisica o psichica, distortamente finalizzata a scopi ritenuti educativi e ciò sia per il primato attribuito alla dignità della persona del minore, ormai soggetto titolare di diritti e non più, come in passato, semplice oggetto di protezione (se non addirittura di disposizione) da parte degli adulti", sottolinea parte del testo della sentenza, nel quale è aggiunto che "non può perseguirsi, quale meta educativa, un risultato di armonico sviluppo di personalità, sensibile ai valori di pace, tolleranza, convivenza e solidarietà, utilizzando mezzi violenti e costrittivi che tali fini contraddicono".

Nonostante la condanna a 15 giorni di reclusione, all'insegnante è stato tuttavia riconosciuto uno sconto di pena a fronte dei 30 giorni inizialmente stabiliti. Non sarebbe sussistita infatti l'aggravante che era stata ipotizzata dopo che uno psicologo aveva ipotizzato che la condotta della docente avrebbe innescato nel giovane un disturbo del comportamento.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/09/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF