Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ecco quando i maltrattamenti sul posto di lavoro sono equiparabili ai maltrattamenti in famiglia

mobbing id9589
Il luogo di lavoro tal volta può essere equiparato all'ambiente domestico e per questo eventuali maltrattamenti vanno equiparati a quelli che si subiscono in casa. È quanto afferma la corte di cassazione (sentenza n. 12517/2012) indicando in quali casi chi subisce vessazioni sul lavoro può ottenere la condanna ai sensi dell'articolo 572 del codice penale che prevede e punisce i maltrattamenti in famiglia. Secondo la Corte di Cassazione l'equiparazione si verifica in tutti quei casi in cui "il rapporto di lavoro e' caratterizzato da famigliarita'" come ad esempio quando si pernotta nello stesso luogo e si consumano insieme i pasti.
Insomma tutte le volte che c'è, in forza del rapporto di lavoro, una condivisione della quotidianità. Nel caso esaminato dai giudici di piazza Cavour la dipendente di un calzaturificio aveva subito delle vessazioni dai datori di lavoro ma la Corte ha escluso che "esistesse un rapporto di natura parafamigliare". La corte fa notare che solo quando si registra sul luogo di lavoro "una assidua comunanza di vita" il maltrattamento può essere punito come se si trattasse di maltrattamenti in famiglia.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/04/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF