Sei in: Home » Articoli

Cassazione: chiedere un sequestro conservativo per un diritto verosimilmente prescritto comporta responsabilitÓ aggravata

due grandi palazzi condominiali
Chiedere un sequestro conservativo per un diritto verosimilmente prescritto comporta una condanna per responsabilitÓ processuale aggravata. E'quanto afferma la corte di cassazione (seconda sezione civile sentenza n. 4443/2012) che si Ŕ occupata di una vicenda in cui Ŕ stato richiesto di accertare la responsabilitÓ aggravata ex articolo 96 del codice di procedura civile in capo a dei condomini che avevano chiesto il sequestro conservativo ai danni di un costruttore per tutelare un presunto diritto di credito dovuto ad asseriti vizi costruttivi. La Suprema Corte, rilevando che il diritto risultava verosimilmente prescritto, ha ritenuto che vi fosse una grave negligenza nell'aver chiesto la misura cautelare. La vicenda ha avuto origine dal ricorso presentato dai condomini di alcuni edifici con cui si chiedeva l'autorizzazione ad un sequestro conservativo fino alla concorrenza di euro 400.000,00 nei confronti della ditta costruttrice per tutelare un presunto diritto di credito che a loro dire sarebbe nato da difetti di ricostruzione sugli immobili condominiali. Il ricorso veniva per˛ rigettato con condanna al pagamento di una somma di Euro 3.500 a titolo di responsabilitÓ aggravata. I condomini proponevano reclamo ottenendo una parziale modifica del provvedimento: veniva esclusa la condanna per responsabilitÓ aggravata e per il resto veniva confermato il provvedimento impugnato con l'integrale compensazione delle spese relative alla fase di reclamo. Il caso finiva poi in cassazione La corte ha fatto notare come l'insussistenza dei presupposti dell'invocata misura cautelare a tutela di un credito, riconducibile all'articolo 1669 del codice civile, ed in particolare del "fumus" della pretesa, essendo verosimilmente fondata l'eccepita prescrizione, rende legittima la condanna dei reclamanti per responsabilitÓ aggravata in quanto "conseguente alla loro soccombenza in ordine al provvedimento cautelare richiesto, essendo stata sottolineata la grave negligenza dei predetti Condominii nell'aver introdotto una istanza di autorizzazione al sequestro conservativo fino alla concorrenza della somma di euro 400.000,00 a cautela di un diritto verosimilmente prescritto".
Vai al testo della sentenza 4443/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/04/2012 - N.R.)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa nÚ obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'Ŕ
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF