Sei in: Home » Articoli

Cassazione: genitori debbono sempre verificare se figli dicono la verità

scolara scuola figli bambini
I genitori non devono avere una fiducia incondizionata nei confronti dei loro figli e devono sempre verificare i fatti che riferiscono. L'avvertimento arriva dalla Corte di Cassazione che ha convalidato una condanna al risarcimento dei danni in favore di un'insegnante di una scuola elementare. L'insegnante aveva subito una diffamazione perché in due lettere indirizzate al dirigente scolastico e al provveditore agli studi di Bologna i genitori di un bambino avevano affermato, contrariamente al vero, che la docente aveva ripetutamente percosso ed umiliato il loro figlio. I due genitori avevano diffuso la notizia anche su un noto quotidiano per denunciare le presunte vessazioni dell'insegnante. I giudici di merito evidenziavano in tale comportamento una "volonta' di ritorsione nei confronti dell'insegnante che successivamente all'episodio riferito dal minore gli aveva impartito una nota per mancato espletamento dei compiti di fine settimana". Anche se il reato è caduto in prescrizione la suprema Corte con la sentenza 5935/2012 ha confermato La condanna al risarcimento dei danni siegando che i genitori sono colpevoli di non aver fatto una "verifica informale e preventiva della veridicita' dei fatti riferiti dal minore", fidandosi del suo racconto. Per questo, spiega la Corte, "pur dovendosi riconoscere che l'adempimento degli obblighi genitoriali di protezione del figlio poteva giustificare l'adozione di iniziative atte a sollecitare un chiarimento circa l'accaduto, al contempo non puo' omettersi di rimarcare che la formalizzazione di una denuncia scritta indirizzata non soltanto al dirigente scolastico ma anche al provveditore agli studi, avrebbe dovuto essere quanto meno preceduta da una verifica informale della veridicita' dei fatti riferiti dal minore".
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/02/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF