Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sicurezza sul lavoro e responsabilità del datore nei confronti dei lavoratori professionalmente inesperti

incidente infortunio
La Corte di Cassazione, con sentenza n. 944 del 24 gennaio 2012, ha affermato che "il dovere di sicurezza a carico del datore di lavoro a norma dell'art. 2087 cod.civ., assolto con l'adozione di tutte le cautele necessarie ad evitare il verificarsi dell'evento dannoso ed anche con l'adozione di misure relative all'organizzazione del lavoro, tali da evitare che lavoratori inesperti siano coinvolti in lavorazioni pericolose, si atteggia in maniera particolarmente intensa nei confronti dei lavoratori di giovane età e professionalemente inesperti esaltandosi in presenza di apprendisti nei cui confronti la legge pone precisi obblighi di formazione e addestramento, tra i quali primeggia l'educazione alla sicurezza del lavoro.". Nel caso di specie i giudici di legittimità, sottolineando che nessuno dei vari soggetti responsabili della sicurezza (committente, subcommittente e datore di lavoro dell'infotunato) avesse provveduto a fornire una adeguata formazione ed informazione al giovane defunto in relazione allo svolgimento in sicurezza delle sue mansioni e che - secondo quanto accertato dai giudici di appello - era del tutto assente il coordinatore per l'esecuzione dei lavori, precisa che "persino l'accertato rispetto delle norme antinfortunistiche non esonera affatto il datore di lavoro dall'onere di provare di aver adottato tutte le cautele necessarie ad impedire il verificarsi dell'evento, con particolare riguardo all'assetto organizzativo del lavoro specie quanto ai compiti dell'apprendista, alle istruzioni impartitegli, all'informazione e formazione sui rischi nelle lavorazioni".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/01/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF