Sei in: Home » Articoli

Giudice di Pace: la decisione secondo equità

La Corte di Cassazione (Sent. 7293/2003) ha stabilito che per le controversie di competenza del Giudice di Pace, la regola della decisione secondo equità per le cause di valore entro i due milioni ?attiene esclusivamente alle cause decise da detto Giudice secondo valore, e quindi necessariamente alle sole cause attinenti a beni mobili per effetto dell?art. 7 cod. proc. civ.?. Ne consegue, precisano i Giudici del Palazzaccio, che ?se una causa relativa a beni immobili è portata alla cognizione del Giudice di Pace e l?incompetenza non viene rilevata, anche d?ufficio, entro la prima udienza di trattazione, mentre per la questione sulla competenza rimane preclusa, la regola decisionale sarà in ogni caso secondo diritto e non secondo equità, sicchè l?impugnazione proponibile avverso tale decisione sarà solo l?appello e non anche il ricorso per Cassazione che, se proposto, dovrà essere dichiarato inammissibile?.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/07/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF