Sei in: Home » Articoli

Corte Giustizia EU: risarcimento per pubblicazioni in Internet si può chiedere nello stato in cui il danneggiato ha il proprio centro di interessi

corte giustizia ue id11014.png
Chiamata a pronunciarsi in merito all'interpretazione dell'art. 5, punto 3 del regolamento (CE) del Consiglio 22 dicembre 200 n. 44/2001 relativo alla "competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale", la Grande Sezione della Corte ha chiarito che in caso di violazione dei diritti della personalità avvenuta a mezzo di contenuti pubblicati su un sito Internet, il danneggiato può chiedere il risarcimento per la totalità del danno subito, o dinanzi ai giudici dello Stato membro del luogo in cui si trova il soggetto che ha emesso tali contenuti oppure dinanzi ai giudici dello Stato membro in cui si trova il proprio centro d'interessi. Nella stessa sentenza la Corte precisa che in alternativa all'azione per la totalità del danno, il danneggiato può anche agire dinanzi ai giudici di ogni singolo stato membro sul cui territorio l'informazione in rete sia accessibile oppure lo sia stata.
In tale ipotesi naturalmente si potrà decidere soslo in relazione al danno determinato sul territorio dello Stato membro del giudice adito. Nella sentenza la Corte fornisce anche alcune precisazione in merito all'art. 3 della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 8 giugno 2000, 2000/31/CE, relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell'informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno («direttiva sul commercio elettronico»). La norma, spiega la Corte, deve essere interpretata nel senso che essa "non impone un recepimento in forma di norma specifica di conflitto. Nondimeno, per quanto attiene all'ambito regolamentato, gli Stati membri devono assicurare che, fatte salve le deroghe autorizzate alle condizioni previste dall'art. 3, n. 4, della direttiva 2000/31, il prestatore di un servizio del commercio elettronico non sia assoggettato a prescrizioni più rigorose di quelle previste dal diritto sostanziale applicabile nello Stato membro di stabilimento di tale prestatore".
Vai al testo della sentenza della Corte di Giustizia
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/11/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF