Sei in: Home » Articoli

Cassazione: giro di vite contro le promozioni facili in cambio di 'regali'

soldi corruzione
Nuovo giro di vite della Cassazione contro le promozioni facili date in cambio di "regali". I giudici da suprema corte hanno infatti confermato una condanna per corruzione inflitta al presidente della commissione di esame di Stato che aveva favorito il superamento degli esami a diversi privatisti per far loro conseguire il diploma di maturità ed ottenere in cambio un soggiorno gratis in Tunisia. La decisione è della sesta sezione penale della corte (sentenza n.36251/2011) che è stata chiamata ad analizzare una vicenda di più vasto raggio (dato il coinvolgimento di diversi istituti di preparazione agli esami scolastici). Diverse persone erano state infatti fatte accusate di aver "partecipato ad una associazione criminale, attiva soprattutto sul territorio siciliano ma con diramazioni anche nel Nord, finalizzata alla commissione di svariati delitti di falso, truffa e corruzione". Il caso in oggetto riguarda l'accusa di un commissario d'esame di aver compiuto atti contrari ai doveri d'ufficio in cambio di un soggiorno di una settimana a Monastir, in Tunisia, insieme alla famiglia. Un piccolo favore dunque corrisposto dai gestori di un centro studi che volevano favorire i propri candidati esterni. Inizialmente prosciolto dal gup, il commissario d'esame era stato condannato, dalla Corte d'appello di Palermo, a un anno di reclusione. Il caso finiva in Cassazione dove i supremi giudici respingevano il ricorso evidenziando che la corte territoriale aveva deciso "senza incoerenze" e verificato la "sussistenza del contestato reato di corruzione propria, essendo indubbio che l'imputato abbia accettato il compenso di un esoso viaggio estivo in Tunisia, al fine di usare i propri poteri d'ufficio della commissione di esami contrario ai doveri di ufficio, sostanzialmente omettendo di effettuare le necessarie verifiche dei requisiti di ammissibilita' agli esami di Stato dei candidati, in tal modo asservendo la sua funzione ad interessi privati".
(18/10/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF