Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: non basta la parcella vidimata dall'ordine per provare il credito dell'avvocato

martello giudice sentenza avvocato
Se il cliente impugna il decreto ingiuntivo emesso nei suoi confronti dall'avvocato, questi nel giudizio di opposizione, deve documentare le prestazioni concretamente effettuate. Lo ha stabilito la seconda sezione civile della Corte di Cassazione (sentenza n. 19750, depositata il 27 settembre 2011) spiegando che non basta la parcella vistata dall'ordine che è utile solo per attestare la conformità della tariffa. In particolare, la Corte ha spiegato che la sola parcella corredata dal parere del consiglio dell'Ordine degli avvocati, sulla base della quale il professionista abbia ottenuto il decreto ingiuntivo contro il cliente, se è vincolante per il giudice nella fase monitoria, non lo è nel giudizio di opposizione poiché il parere attesta la conformità della parcella stessa alla tariffa legalmente approvata ma non prova, in caso di contestazione del debitore, l'effettiva esecuzione delle prestazioni in essa indicate, né è vincolante per il giudice della cognizione in ordine alla liquidazione degli onorari, per cui la presunzione di veridicità da cui è assistita la parcella riconosciuta conforme alla tariffa non esclude né inverte l'onere probatorio che incombe sul professionista creditore - e attore in senso sostanziale - sia quanto alle prestazioni effettivamente eseguite che quanto alla misura degli importi richiesti.
La Corte ha pertanto confermato l'accoglimento dell'opposizione al decreto ingiuntivo in quanto il professionista non era stato in grado di produrre alcun atto processuale a fondamento dell'opera professionale asseritamente prestata.
Scarica il testo della sentenza 19750/2011
(02/10/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Affido condiviso e alienazione genitoriale: collocazione prevalente da invertire o da eliminare?Affido condiviso e alienazione genitoriale: collocazione prevalente da invertire o da eliminare?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF