Sei in: Home » Articoli

Cassazione, preliminare di compravendita: mediatore deve risarcire il danno se non adempie all'obbligo di corretta informazione

casa id10860
Con la sentenza n. 19095/2011 la Corte di Cassazione ha affermato che, nell'ambito di un preliminare di compravendita, il mediatore che non adempie all'obbligo di corretta informazione Ŕ al risarcimento del danno. La Corte, ai fini del risarcimento danni in favore del promissario acquirente, ha pertanto confermato la responsabilitÓ in solido fra il promittente venditore e il mediatore che, fidando solo sulla dichiarazione scritta del secondo, assicura che l'immobile oggetto del preliminare di compravendita sia libero da pesi. Secondo la motivazione del Palazzaccio, il mediatore, pur non essendo tenuto, in difetto di un particolare incarico, a svolgere specifiche indagini di natura tecnico-giuridica, come ad esempio l'accertamento della libertÓ dell'immobile oggetto del trasferimento mediante le visure catastali e ipotecarie, Ŕ comunque tenuto nell'adempimento della sua prestazione a un obbligo di corretta informazione secondo il criterio della media diligenza professionale, il quale comprende in positivo l'obbligo di comunicare le circostanze a lui note o comunque conoscibili con la comune diligenza che si richiede al mediatore, e in negativo il divieto di fornire informazioni su circostanze che non abbia controllato.
Scarica il testo della sentenza 19095/2011
(29/09/2011 - Luisa Foti)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Conversione del pignoramento: la duplice ratio dell'art. 495 Cpc
» Diritti d'autore: pagare la Siae non basta, Soundreef ottiene decreto ingiuntivo per concerto Fedez
In evidenza oggi
Parlamentari: addio ai vitalizi, ok della CameraParlamentari: addio ai vitalizi, ok della Camera
Vietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famigliaVietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famiglia
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF