Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no a riduzione assegno di mantenimento in base al tempo che il figlio passa con il padre

affido figli affidamento
Con la sentenza n. 15566 depositata il 14 luglio 2011, in tema di assegno di mantenimento, la prima sezione civile ha stabilito che l'assegno di mantenimento in favore dei figli minori non può essere ridotto in relazione al tempo che il bambino passa presso il padre (o la madre non affidataria, a seconda dei casi). Infatti, l'assegno va stabilito tenendo conto della situazione economica dei genitori e delle esigenze del minore e avendone motivato la quantificazione su base annua, con ripartizione mensile, ritenendo in relazione all'importo stabilito ininfluenti le modalità di visita e di soggiorno presso il genitore non collocatario. In particolare, il il genitore ricorrente aveva lamentato la violazione dell'art. 155, comma 4 cod. cvi., per non avere la Corte di merito valutato l'aumento del tempo di permanenza del minore presso il padre da essa stabilito, che avrebbe dovuto comportare una diminuzione dell'assegno stabilito in primo grado.
(“Dica la Corte - si legge dalla sentenza di legittimità - se viola l'art. 155, comma 4, n. 3, cod. civ. la sentenza del giudice di merito che, nella determinazione della misura dell'assegno, non tenga conto dell'incremento dei tempi di permanenza del minore presso il genitore onerato dell'assegno”). Rigettando il ricorso, la Corte ha invece stabilito che l'assegno di mantenimento non può essere rapportato al tempo che il minore passa con il genitore non affidatario ma va rapportato alle esigenze del minore e alla situazione economica, ribadendo che le esigenze di visita e di soggiorno sono ininfluenti per calcolare l'assegno medesimo.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/07/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Omicidio stradale: arriva una nuova riformaOmicidio stradale: arriva una nuova riforma
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF