Sei in: Home » Articoli

Cassazione: se non si è prudenti alla guida, non serve rivendicare la precedenza

strada id10499
A nulla serve rivendicare di avere la precedenza se viene provato che non si è stati prudenti alla guida. È questo il contenuto della sentenza n. 26657/2011 della Suprema Corte di Cassazione. In particolare, i giudici di legittimità hanno spiegato che è necessario “accertare il comportamento tenuto dagli automobilisti per verificare se in esso siano ravvisabili profili di colpa”. Con l'esortazione ai giudici di merito a non applicare "alla lettera" il codice della strada, Piazza Cavour ha confermato l'assoluzione di un centauro che aveva procurato lesioni gravissime al conducente di un'autovettura che, senza rispettare la precedenza, aveva impegnato l'incrocio. L'uomo aveva travolto l'auto che non aveva rispettato l'obbligo della precedenza e i giudici di primo grado lo avevano scagionato da ogni colpa in relazione all'accusa di lesioni personali colpose in quanto si era ritenuto rilevante il fatto che l'altra parte non avesse rispettato il segnale di precedenza.
Il verdetto veniva poi ribaltato dalla Corte d'Appello la cui decisione è stata poi confermata dalla Cassazione che esorta i giudici a non applicare il codice della strada senza l'analisi concreta del fatto e di eventuali profili di colpa: nel caso di specie, la Corte ha infatti rilevato che pur avendo la precedenza, l'uomo non è riuscito a porre in essere una manovra di rallentamento che avrebbe facilmente consentito di evitare l'impatto a causa della velocità.
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/07/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF