Sei in: Home » Articoli

Cassazione: brucio' operaio, non ha diritto ai domiciliari

L'imprenditore di Gallarate che brucio' un operaio romeno non ha diritto agli arresti domiciliari. A stabilire che Cosimo Iannece dovra' rimanere in galera e' stata la Prima sezione penale della Cassazione che ha dichiarato inammissibile la richiesta del difensore dell'imprenditore di sostuire il carcere con gli arresti domiciliari. Iannece, condannato a 30 anni di reclusione per aver provocato la terribile morte di Jon Cazacu che aveva cosparso di benzina prima di dargli fuoco, si e' rivolto alla Suprema Corte sostenendo di aver condotto sempre una ''vita operosa e onesta sino ai fatti''. Ma piazza Cavour, che gia' lo scorso 23 maggio aveva stabilito che il processo era da rifare per una serie di ''carenze di motivazioni'' della sentenza d'appello, ha detto no agli sconti di pena.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/06/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF