Sei in: Home » Articoli

In libreria: Il nuovo diritto processuale amministrativo (a cura di Alessio Liberati, Cedam, 2010)

diritto processuale amministrati id10001
Il volume è dedicato al processo amministrativo, così come disciplinato dal nuovo codice. L'assoluta novità dal punto di vista normativo non ha consentito all'autore di inserire massime giurisprudenziali maturate sul nuovo testo. Egli ha quindi optato per l'inserimento, ove possibile, dei riferimenti giurisprudenziali maturati in precedenza, e presi evidentemente quale riferimento per l'elaborazione del nuovo testo legislativo, così come state proposte le soluzioni ermeneutiche pregresse riguardo ai temi lasciati aperti dal nuovo dettato normativo, e rispetto ai quali sarà la giurisprudenza - presumibilmente in base agli orientamenti già maturati - ad offrire le opportune soluzioni. Purtroppo il nuovo codice non è esente da lacune ed incongruenze, solo in parte corrette nei passaggi successivi al lavoro della commissione speciale istituita presso il Consiglio di Stato, ed anche in ragione della scelta di redigere un testo di poche decine di articoli. L'autore ha quindi cercato di porre in rilievo i problemi di disciplina che si pongono e di offrirne le possibili soluzioni, nei limiti di compatibilità, in base alle argomentazioni giurisprudenziali maturate nella vigenza della precedente normativa.
Riferimenti: Il nuovo diritto processuale amministrativo, a cura di Alessio Liberati, CEDAM, ottobre 2010, p. 877, euro 95,00
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/04/2011 - Amedeo Pisanti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF