Diritto di accesso agli atti amministrativi

Seguici su Facebook e su G. Plus
Indice della guida
Indice della guida di diritto amministrativo
A cura di Maria Luisa Foti

Il diritto di accesso agli atti amministrativi e i riferimenti normativi

Il diritto di accesso rappresenta principio generale dell’attività amministrativa. L’art. 22 della legge 241/90 sul procedimento amministrativo e il diritto di accesso ai documenti amministrativi, specifica che tale principio "costituisce principio generale dell'attività amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l'imparzialità e la trasparenza, ed attiene ai livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale ai sensi dell'articolo 117, secondo comma, lettera m), della Costituzione. 

In questa pagina: Il diritto di accesso agli atti amministrativi e i riferimenti normativi | I soggetti obbligati a consentire l'esercizio del diritto di accesso | Come si esercita il diritto di accesso | Fac-simile istanza per l'accesso agli atti amministrativi

Resta ferma la potestà delle regioni e degli enti locali, nell'ambito delle rispettive competenze, di garantire livelli ulteriori di tutela". 

In base a tale norma il diritto di accedere ai documenti amministrativi compete a tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento. La legge sul procedimento afferma che "è considerato documento amministrativo ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenuto di atti formati o comunque utilizzati ai fini dell'attività amministrativa dall'istituto".

I soggetti obbligati a consentire l'esercizio del diritto di accesso

I soggetti passivi, obbligati a consentire l’esercizio del diritto di accesso, secondo quanto prevede l’art.23 sono: le pubbliche amministrazioni, le aziende autonome e speciali, gli enti pubblici e i gestori di pubblici servizi. 

Il diritto di accesso nei confronti delle Autorità di garanzia e di vigilanza si esercita nell'ambito dei rispettivi ordinamenti. L’art.24 prevede due limiti al diritto di accesso: limiti facoltativi, sanciti dai soggetti passivi, che hanno l’effetto di differire l’accesso agli atti fino a quando la conoscenza dei documenti possa impedire o gravemente ostacolare lo svolgimento dell’azione amministrativa. Limiti tassativi, sono stabiliti in forma discrezionale dalla P.A. e producono un differimento all’accesso dei documenti.

Come si esercita il diritto di accesso

Il diritto di accesso si esercita mediante richiesta motivata rivolta all’amministrazione che ha formato il documento per esaminarlo o estrarne copia. La P.A. ne caso in cui ritenga di non dover accogliere la richiesta può respingerla se la stessa abbia ad oggetto documenti esclusi dal diritto di accesso, limitarla in riferimento ad alcuni dei documenti richiesti e differirla laddove la conoscenza dei documenti possa impedire o gravemente ostacolare lo svolgimento dell’azione amministrativa.

La legge n.15/2005 ha introdotto novità per quanto riguarda i ricorsi contro le determinazioni amministrative sull’accesso. In alternativa al ricorso giurisdizionale al TAR, stato inserito l’istituto del riesame da parte del difensore civico competente per ambito territoriale. 

Il richiedente può chiedere a tale soggetto che sia riesaminata la richiesta di accesso. 

Nel caso di amministrazioni centrali e periferiche dello stato il ricorso per riesame è fatto alla commissione per l’accesso agli atti amministrativi (istituita presso al Presidenza de Consiglio dei Ministri). 

L’art.25 dispone il necessario coordinamento con la normativa in maniera di privacy e delinea il rapporto tra Commissione per l’accesso e Garante per la protezione dei dati personali. 

 L’art.25, co.4 prevede infatti che, "se l'accesso è negato o differito per motivi inerenti ai dati personali che si riferiscono a soggetti terzi, la Commissione provvede, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta, decorso inutilmente il quale il parere si intende reso".

Fac-simile istanza per l'accesso agli atti amministrativi:

ISTANZA DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

Ai sensi della legge 241/90 


A: ...................................... (indicare l'amministrazione a cui si richiede l'accesso ai documenti amministrativi) 

Il sottoscritto ........................................................... (nome e generalità)  

Documento: .................................................

Tel. ........................

CHIEDE 

di prendere visione e/o di estrarre copia della seguente documentazione:

1. ........................ (indicare estremi del documento per la sua identificazione: data,protocollo etc.) 

2. ........................ (indicare estremi del documento per la sua identificazione: data,protocollo etc.) 

3. ........................ (indicare estremi del documento per la sua identificazione: data,protocollo etc.) 

Motivi della richiesta:
L'interesse a poter visionare ed estrarre copia di tali documenti discende da ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,....... ( illustrare le motivazioni  alla base della richiesta di accesso agli atti amministrativi).

Allegati:

Allegare eventuale documentazione a supporto dell'istanza (ad esempio documenti che dimostrano la propria legittimazione ad esercitare il diritto per conto di un'associazione).

Chiede che le copie dei documenti siano consegnati al sottoscritto (Oppure: consegnate a .................... autorizzato a svolgere attività connesse alla richiesta di accesso) 

NB: si può richiedere Anche la trasmissione a mezzo del servizio postale, via fax, o ad un indirizzo di posta elettronica certificata.

Dichiaro di essere informato che i dati personali raccolti saranno trattati esclusivamente nell’ambito del procedimento di accesso ai documenti amministrativi.

Città..................  data.........................

Ricevuta dell'addetto alla ricezione.

Ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. n. 445 del 2000, la presente dichiarazione è stata:

Sottoscritta, previa identificazione del richiedente, in presenza di ....................................

Oppure:

Sottoscritta e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss