Non importa che ci siano figli da accudire: il boss resta in carcere

Per la Cassazione la sussistenza di esigenze cautelari di particolare rilevanza toglie rilievo alla questione relativa all'assistenza della prole
15967295 concetto di evasione dal carcere id13898

di Valeria Zeppilli – Se sussistono esigenze cautelari di particolare rilevanza, a nulla rileva la necessità di custodire la prole in ragione anche delle condizioni lavorative dell'altro coniuge: si resta in carcere.

Con la sentenza numero 11472/2016, depositata il 18 marzo (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha infatti respinto la richiesta di un uomo, parte di una cosca mafiosa e responsabile di numerose estorsioni, di ottenere gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

L'uomo aveva tentato di fare leva sul fatto che la moglie dell'indagato non era in grado di accudire autonomamente i loro figli e che uno di questi non aveva neanche conosciuto il padre e aveva bisogno (come da certificazione del pediatra) di familiarizzare con il genitore.

Per i giudici tali circostanze passano in secondo piano stante la sussistenza, nel caso di specie, di esigenze cautelari di eccezionale rilevanza, ravvisate già dal Tribunale nella sistematicità della condotta, continua e ininterrotta, con la quale il ricorrente avrebbe commesso decine di estorsioni e nell'appartenenza dei familiari dell'uomo ad un'organizzazione criminale mafiosa da diverse generazioni.

Del resto è ormai consolidato che la sussistenza di particolari condizioni soggettive che di per sé sconsiglierebbero la restrizione in carcere non assume rilevanza in presenza di effettive situazioni di pericolo per la tutela dei cittadini, di non comune, spiccatissimo e allarmante rilievo.

La questione relativa all'assistenza della prole, quindi, nel caso di specie perde di importanza e il ricorrente resta in carcere.

Corte di cassazione testo sentenza numero 11472/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(21/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Avvocati: sanzionato chi non attende il collega avversario in udienza
» Quando il pettegolezzo diventa reato
» Riforma processo esecutivo: via libera definitivo. Tutte le novità e il testo approvato
» Cassazione: il fruttivendolo che tiene le cassette sul marciapiede commette reato
» Auto col finestrino abbassato: multa da 41 euro!

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin