Sei in: Home » Articoli

Più facile acquistare immobili all'asta: tagliata l'imposta di registro

In forza del d.l. 18/2016, fino al 31 dicembre 2016 l'importo dovuto è quello fisso di 200 euro se l'intento è di rivendere il bene entro due anni
tagli soldi euro crisi sprechi

di Valeria Zeppilli – E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge numero 18 del 2016, che porta con sé una grande novità: chi acquista un immobile durante un'asta giudiziaria con l'intento di rivenderlo nei due anni successivi, può ora godere di una forte riduzione dell'imposta di registro, ipotecaria e catastale.

Non importa che l'acquirente sia una persona fisica o una persona giuridica: tale imposta, infatti, in ogni caso non è più quella, consueta, del 9% del valore di assegnazione del bene, ma il suo importo sarà sempre quello, fisso, di duecento euro ciascuna, per quella ipotecaria e quella catastale.

Il vantaggio è chiaro e innegabile: il risparmio di spesa ci sarà in caso di acquisto di immobili di valore superiore a 2.222,22 euro. Possiamo tranquillamente dire di tutti gli immobili!

Se però l'intento dichiarato in sede di assegnazione di rivendere l'immobile nel biennio successivo all'asta non viene rispettato, il pagamento andrà integrato, con penalizzazioni: si dovrà infatti pagare l'intero ammontare dell'imposta ordinaria di registro, ipotecaria e catastale, aggiungendovi anche una sanzione amministrativa pari al 30% e gli interessi di mora.

Il beneficio previsto dal decreto legge numero 18/2015, inoltre, non durerà per sempre: la possibilità di goderne, infatti (almeno per il momento), è concessa per un periodo transitorio che terminerà il prossimo 31 dicembre.

La normativa, già in vigore per effetto della pubblicazione in Gazzetta, ora non attende altro che di essere convertita in legge.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/02/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo