La Cassazione dice sì al "copia e incolla" degli atti di merito se i motivi sono autosufficienti

L'autosufficienza va valutata una volta individuato e isolato con facilità il coacervo dei documenti riprodotti
sentenza bilancia giudice avvocato cassazione martello

di Valeria Zeppilli – Non sempre la tecnica del cd. "copia e incolla" degli atti del giudizio di merito nel ricorso per cassazione comporta l'inammissibilità di quest'ultimo per difetto di autosufficienza.

Con la sentenza numero 2846/2016 (qui sotto allegata), depositata dalla seconda sezione civile della Corte di cassazione lo scorso 12 febbraio ma avente ad oggetto una vicenda verificatasi prima della sottoscrizione del protocollo tra CNF e Cassazione (sul quale leggi: "In Cassazione basta individuare l'atto su cui si fonda il ricorso e non trascriverlo"), i giudici hanno infatti ritenuto opportuno fare una precisa distinzione.

L'inammissibilità, più precisamente, potrebbe non operare nei casi in cui il coacervo dei documenti riprodotti possa essere individuato e isolato con facilità e, quindi, separato ed espunto dall'atto processuale.

In simili casi, l'autosufficienza va infatti valutata una volta fatta questa operazione e con riferimento ai criteri ordinari e ai singoli motivi.

L'inammissibilità, pertanto, può ritenersi esclusa nel caso in cui, reso l'atto conforme al principio di sinteticità, esso risponda anche a quello di autosufficienza.

Nel caso di specie, una controversia avente ad oggetto una successione ereditaria e, in particolare, la differenziazione tra compravendita e donazione, tali requisiti sono stati ritenuti rispettati.

Il ricorso, quindi, non può essere considerato inammissibile.

Peccato che esso sia infondato!

Corte di cassazione testo sentenza numero 2846/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(14/02/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Facebook: "Tutto quello che avete postato diventa pubblico". È una bufala!
» Auto col finestrino abbassato: multa da 41 euro!
» Riforma processo esecutivo: via libera definitivo. Tutte le novità e il testo approvato
» Decreti ingiuntivi: giudice obbligato a concedere la provvisoria esecuzione per le somme non contestate
» Se il CTU deposita in ritardo la perizia commette reato

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin