Cassazione: legittima la condanna per violenza su minore basata solo sulla testimonianza de relato

Se l'imputato non si è avvalso dell'incidente probatorio e non ha inserito il minore nella lista dei testimoni, il processo non può considerarsi iniquo
Bambino triste
di Valeria Zeppilli – La violenza sessuale su minori è di certo uno dei reati più odiosi tra quelli che il nostro ordinamento sanziona. Avverso di essa, quindi, gli strumenti di tutela e di condanna devono essere particolarmente rigidi.

Una testimonianza di tale assunto è stata recentemente offerta dalla terza sezione penale della Corte di cassazione, la quale, con la sentenza numero 1620/2016 depositata il 28 gennaio (qui sotto allegata), ha sancito che la condanna per un simile reato può legittimamente scattare anche solo sulla base della testimonianza de relato, nel caso in cui l'imputato non si sia avvalso dell'incidente probatorio e non abbia inserito il minore nella lista dei testimoni.

Nel caso di specie, ad inchiodare l'imputato era stata la nonna della minore abusata, dalla quale la piccola si era recata di corsa subito dopo l'accaduto.

I giudici, nel confermare la condanna basata solo sulla testimonianza dell'anziana signora e di una sua amica, hanno infatti ricordato che il processo non può considerarsi iniquo esclusivamente per il fatto di fondarsi solo su testimonianze de relato. Lo diventa, semmai, se l'imputato non è stato posto in condizione di esercitare il diritto all'esame del testimone diretto.

Ma nel caso di specie, l'esame della vittima dell'abuso non era stato sollecitato dall'imputato, con la conseguenza che la sua omissione non è risultata idonea a compromettere l'equilibrio delle parti né, in altro modo, l'equità del processo.

Corte di cassazione testo sentenza numero 1620/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(20/01/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Strisce blu: niente multa se il ticket è scaduto
» Se un giudice e un avvocato sono amici su Facebook...
» Stop al mantenimento dei figli trentenni che non lavorano aspettando il "posto ideale"
» Cassazione: mai più animali in catene. E' reato
» Cancellazione Centrale Rischi: ora è possibile esperire il procedimento ex art. 700 c.p.c.

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin