Cassazione: nel contratto col professionista, il cliente può recedere in qualsiasi momento

Lo scioglimento anticipato è escluso solo se dal contratto emerge la chiara volontà delle parti di vincolarsi in tal senso
avvocati contratto
di Valeria Zeppilli – Nei contratti stipulati con i professionisti, i clienti possono recedere in qualsiasi momento, senza che tale facoltà sia automaticamente esclusa dalla previsione di un termine di durata.

Della questione, in particolare, si è occupata la Corte di cassazione nella sentenza numero 469/2016, depositata il 14 gennaio (qui sotto allegata).

Con tale pronuncia, infatti, i giudici hanno chiarito che la sola pattuizione del termine non esclude la facoltà di recesso ad nutum dal cliente, prevista in generale dall'articolo 2237 del codice civile.

A tal fine è, invece, necessario che dal regolamento negoziale emerga chiaramente la volontà delle parti di vincolarsi in maniera tale da escludere lo scioglimento del contratto prima della scadenza stabilita.

Proprio sulla base di tali argomentazioni, nel caso di specie, la Corte ha respinto il ricorso di un medico che pretendeva di essere risarcito da un suo cliente per il fatto di aver questi interrotto il loro rapporto contrattuale prima della scadenza dei due anni stabiliti.

Dall'interpretazione del contratto, infatti, i giudici hanno escluso che con l'apposizione del termine il cliente avesse inteso rinunciare alla propria facoltà di recesso. Ciò in ragione della particolare natura della prestazione professionale, che consisteva in anamnesi, diagnosi, informazione, consulenza e assistenza volta alla ricerca di cure per malattie rare.

Insomma, la Cassazione ha ritenuto che la sentenza impugnata dal medico, nell'escludere la rinuncia del recesso ad nutum da parte del cliente, abbia correttamente considerato la peculiarità della prestazione convenuta e le esigenze del cliente, confermando la natura fiduciaria del rapporto e facendo riferimento al più intenso intuitus personae.

Corte di cassazione testo sentenza numero 469/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(15/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF