Sei in: Home » Articoli

Il principio del contraddittorio

Breve guida a uno dei pilastri del nostro ordinamento giuridico, che informa di sé tutte le tipologie di processo
bilancia toga sentenza martello
di Valeria Zeppilli – Il nostro ordinamento giuridico è governato da diversi principi a garanzia dell'esercizio di una giustizia che sia effettiva

Tra di essi, una posizione particolare è assunta dal cd. principio del contraddittorio, in base al quale nessun soggetto può "subire" una statuizione del giudice se non è stato regolarmente citato in giudizio o non ha comunque avuto la possibilità di partecipare al processo per far valere le proprie ragioni.

Il principio del contraddittorio nella Costituzione

Il principio del contraddittorio è un principio fondamentale del nostro ordinamento, che trova il suo primario riconoscimento all'articolo 111 della Costituzione.

Tale disposizione, infatti, nel garantire il giusto processo e il diritto di difesa delle parti, pone due fondamentali principi che dovrebbero caratterizzare l'iter processuale.

Tra di essi vi è, appunto, quello del contraddittorio tra le parti, da garantire durante lo svolgimento di tutte le fasi processuali.

È chiaro che l'intento fondamentale è quello di garantire la posizione di parità tra tutti i soggetti, mediante la garanzia di un confronto dialettico nel corso del giudizio.

Al principio del contraddittorio, nel testo costituzionale si affianca quello dell'imparzialità e della terzietà del giudice.

Il principio del contraddittorio nel processo penale

Proprio in ragione della sua fondamentale rilevanza, il principio del contraddittorio informa di sé tutti i tipi di processo.

Il processo penale è quello nel quale tale principio assume la maggiore rilevanza, tanto da trovare un'espressa ulteriore garanzia nel testo costituzionale.

L'art. 111 Cost., infatti, dopo aver sancito in via generale quanto sopra visto, al comma 4 specifica ulteriormente che "il processo penale è regolato dal principio del contraddittorio nella formazione della prova".

In sostanza, la garanzia del contraddittorio deve essere attuata sia nella fase delle indagini preliminari, attraverso l'informazione dell'indagato, sia nella fase dibattimentale, con il diritto alla parità di posizioni.

Ciò, tuttavia, vale salvo il caso di impossibilità di natura oggettiva o per effetto di provata condotta illecita.

Il principio del contraddittorio nel processo civile

Nel processo civile il principio del contraddittorio è espressamente ribadito dall'articolo 101 del codice di rito, il quale dispone che "il giudice, salvo che la legge disponga altrimenti, non può statuire sopra alcuna domanda, se la parte contro la quale è proposta non è stata regolarmente citata e non è comparsa".

Con l'inciso "salvo che la legge disponga altrimenti" tale norma sembrerebbe ammettere delle deroghe a un principio fondamentale del nostro ordinamento.

In realtà, però, non è così.

Infatti, il predetto inciso si riferisce nella sostanza a casi in cui il contraddittorio è soltanto posticipato.

Si pensi, ad esempio, alle ipotesi di emissione di un decreto ingiuntivo, di provvedimenti di urgenza o di sospensione del processo di opposizione all'esecuzione.

Il principio del contraddittorio nel processo amministrativo

Nel processo amministrativo, infine, il principio del contraddittorio tende a garantire che la decisione del giudice sia il frutto di una cognizione assolutamente completa.

Esso si estrinseca principalmente nella previsione in base alla quale il ricorrente è tenuto a notificare il ricorso non solo all'amministrazione che ha emesso l'atto che con esso si intende impugnare ma anche a tutti i controinteressati.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/12/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF