PCT: che cosa è la busta telematica e cosa è il redattore atti

Le operazioni preliminari alla creazione della busta e la sua predisposizione attraverso il redattore atti
Donna con un tablet
di Valeria Zeppilli – Il deposito telematico di atti e documenti processuali avviene, in concreto, attraverso la cd. “busta telematica”, ovverosia un “contenitore” virtuale nel quale inserire i file da depositare prima di procedere all'inoltro in cancelleria.

Per poter creare la busta è necessario utilizzare un apposito software, detto “redattore atti”.


La busta telematica: predisposizione dei file da caricare

Prima di creare la busta telematica è fondamentale aver predisposto i file da depositare.

Contrariamente a quanto potrebbe far pensare il nome, infatti, il redattore atti non consente la redazione di un atto, operazione da compiere attraverso i normali programmi di videoscrittura.

I file da depositare devono essere in formato pdf testuale se si tratta di atti o pdf (anche grafico), odf, rtf, txt, jpg, gif, tiff e xml se si tratta di documenti (leggi: "PCT: il formato pdf degli atti e dei documenti").

Essi devono essere autonomi (e non riuniti in un unico file) e vanno denominati in maniera tale da renderne subito chiaro il contenuto a chi li riceve.


La busta telematica: creazione attraverso il redattore atti

Una volta predisposti correttamente gli atti e i documenti da allegare è possibile procedere alla creazione della busta.

Come accennato, per fare ciò è possibile avvalersi di uno dei numerosi software messi a disposizione dell'avvocato, che prevedono procedure più o meno intuitive ma tendenzialmente semplici (leggi: "Processo civile telematico: i primi passi e la raccolta di articoli in ordine cronologico").

In sostanza, si tratta di caricare i documenti all'interno del programma utilizzato, firmare quelli che è necessario firmare, e cliccare sull'apposito pulsante di generazione della busta.

La dimensione massima della busta telematica è pari a 30 MegaByte: laddove si superi detta dimensione è opportuno provvedere alla riduzione delle dimensioni dei singoli file.

Si ricordi che è necessario procedere anche alla firma della busta prima di inoltrarla alla cancelleria tramite p.e.c..

Vedi anche nella sezione delle guide legali: "Il processo civile telematico"

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF