Sei in: Home » Articoli

PCT: la firma digitale. In allegato la guida al Processo Civile Telematico con raccolta di articoli di approfondimento

Il valore legale della firma digitale, come dotarsene e le modalità di utilizzo
firma scrivere notaio

di Valeria Zeppilli – La firma digitale è quello strumento che consente di conferire valore legale ai documenti trasmessi in via telematica e che, in sostanza, sostituisce, nell'era digitale, la firma autografa apposta sui documenti cartacei.

Per conferire validità legale a un documento informatizzato, del resto, non sarebbe sufficiente la scannerizzazione di un documento cartaceo sottoscritto di pugno dall'autore: le moderne possibilità di modifica digitale delle immagini renderebbero sin troppo agevole la falsificazione delle firme.

Così la firma digitale diviene imprescindibile per espletare tutte le innumerevoli procedure che oggi possono o debbono essere compiute in via telematica, come, primo tra tutti, il processo civile telematico

La firma digitale è contenuta (sotto forma di certificato) in una chiavetta Usb o in una smart card con chip (tale supporto viene definito token).

All'interno del supporto vi è anche un secondo certificato (di autenticazione) che serve ad associare il dispositivo a chi lo utilizza.

Vedi anche: 
- Il Codice dell'amministrazione digitale (per la firma digitale fare riferimento agli artt.24 ss).
- Il codice dell'amministrazione digitale in PDF

Come è generata una firma digitale

La firma digitale è generata attraverso l'utilizzo di una coppia di chiavi digitali asimmetriche, entrambe riconducibili in maniera esclusiva ad un solo soggetto.

La prima chiave è detta privata ed è conosciuta solo dal soggetto titolare della firma, che la utilizza per sottoscrivere il documento informatico.

L'altra chiave è detta pubblica ed è utilizzata per riconoscere la firma e verificarne l'autenticità, senza, tuttavia, permetterne la ricostruzione.

Questo sistema di crittografia a doppia chiave permette di rendere la firma digitale autentica, di assicurare l'integrità del documento dopo la sottoscrizione e di attribuire ad esso piena validità legale, senza che il sottoscrittore possa disconoscerlo.


La procedura per ottenere la firma digitale

Per dotarsi di un kit di firma digitale, è necessario rivolgersi, spesso anche solo accedendo ai rispettivi siti web, ad una delle innumerevoli aziende che, in qualità anche di certificatori, offrono il servizio, come Aruba (Aruba Key), Giuffrè (Cliens) o Poste Italiane (postecert.poste.it/firma/).

Generalmente la firma digitale si presenta sotto forma di chiavetta USB o di Smart Card dotata di chip, formati tra i quali si può scegliere in base alle proprie esigenze.

Una volta effettuata la richiesta, bisogna seguire le semplici procedure previste dalle varie aziende che offrono un tal genere di servizio e attendere il recapito dello strumento di firma digitale.

Generalmente i kit offerti contengono anche il software necessario all'utilizzo della firma.

Nel caso in cui esso non venga fornito, è in ogni caso possibile procurarselo scaricandolo agevolmente da internet, ad esempio accedendo ai seguenti siti: DigiSigner o NitroReader. Ma la possibilità di apporre la firma digitale è offerta anche da Adobe Acrobat e Word.

Vedi anche:Processo civile telematico: i primi passi e la raccolta di articoli in ordine cronologico").

Apporre la firma digitale

Generalmente, e così anche per il processo civile telematico, il documento informatico che si vuole sottoscrivere digitalmente, va salvato in un formato cd. “statico”, ovverosia che non contenga macroistruzioni o codici eseguibili che ne consentano la modifica da parte di terzi.

Il formato raccomandato, pertanto, è il pdf.

Di conseguenza, prima di firmare digitalmente un documento redatto in uno dei più diffusi formati non statici, come doc, xls o odt, è fondamentale convertirlo.

A questo punto è necessario caricare il file nell'apposito programma di sottoscrizione e cliccare sul tasto firma, presente in pressoché tutte le tipologie di schermate proposte.

Dopo aver inserito il pin assegnato e aver ricevuto conferma di esito positivo dell'operazione di firma, il nuovo documento, generato in p7m, sarà quello valido e pronto da inviare.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF