In vigore il “prelievo forzoso”: dal 2016 le banche in crisi potranno salvarsi con i soldi dei correntisti

Lo prevede la nuova legge di delegazione europea che detta anche le regole sul “bail-in”. In allegato il testo
tasse soldi euro iva ici imu

di Marina Crisafi - Il c.d. bail-in, com'è chiamato tecnicamente il prelievo forzoso è diventato pienamente operativo. È entrata in vigore infatti la legge di delegazione europea 2014 (l. n. 114/2015), pubblicata in GU lo scorso 31 luglio (qui sotto allegata) che recepisce le regole, dettate dalla direttiva del Parlamento e del Consiglio europeo n. 2014/59/UE, che consentono alle banche in crisi di ricorrere al sistema di salvataggio interno “attingendo” ai conti correnti nelle stesse depositate (leggi: "Approvato il “prelievo forzoso”: dal 2016 le banche si risaneranno con i soldi degli italiani”).

Dall'1 gennaio 2016, in base al dettato della legge europea, pertanto, in caso di default bancario, al fine di pervenire alla risoluzione della crisi, anziché fare ricorso a risorse esterne (ad esempio le casse pubbliche, c.d. bail-out), gli istituti, con un patrimonio al di sotto della soglia minima essenziale per operare, potranno ricorrere al piano di risanamento interno che coinvolge azionisti, obbligazionisti e correntisti (appunto, il bail-in).

Ad essere coinvolti, oltre ad azioni e strumenti di capitale, obbligazioni e passività ammissibili, sono quindi i depositi appartenenti alle persone fisiche, a partire però dal tetto di 100mila euro.

I clienti con conti superiori a tale cifra vedranno utilizzare la liquidità disponibile al fine della ricapitalizzazione della banca, mentre sono esclusi, tra gli altri, tutti i depositi inferiori a 100mila euro, quelli protetti da garanzia, le cassette di sicurezza o i titoli detenuti in un apposito conto (etc.).

In ogni caso, ai fini dell'operatività delle nuove norme, occorrerà ancora attendere un ulteriore passaggio: l'adozione degli appositi decreti attuativi emanati dal Governo, sulla base dei criteri e del timing indicati nella direttiva.

Legge n. 114/2015
(17/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Mille cancellieri: il 21 novembre arriva il bando
» Guide di diritto penale
» Divorzio: nuovo compagno? Addio per sempre all'assegno di mantenimento!
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF