Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: legittima la nomina di un "caposcala", quale aiutante dell'amministratore

Può essere assimilato alla figura del sostituto del mandatario e coadiuvare l'amministratore in alcuni compiti
Facciata di un palazzo vista dal vasso

di Valeria Zeppilli – Alcune attività inerenti la gestione e la conservazione delle parti comuni di un condominio possono essere eseguite anche da un "caposcala" nominato dall'amministratore.

Secondo quanto stabilito dalla sentenza n. 163/2015 della Corte di Appello di Lecce, infatti, l'amministratore non deve necessariamente svolgere tutte le attività affidategli da solo, ma può anche avvalersi dell'aiuto di soggetti terzi.

In sostanza, il suo ruolo è assimilabile a quello conferito attraverso un mandato con rappresentanza e ad esso, in conseguenza, si applicano tutte le norme civilistiche sul mandato.

L'aiutante nominato dall'amministratore al fine di delegargli alcune delle sue attività è, in quindi, riconducibile alla figura del sostituto del mandatario.

In ogni caso, la responsabilità per le azioni compiute da quest'ultimo ricade esclusivamente in capo al soggetto che lo ha nominato.

Egli può anche essere designato direttamente dall'assemblea o previsto dal regolamento e le sue funzioni possono essere non solo di assistenza dell'amministratore ma anche di controllo del suo operato: in tal caso, la figura alla quale il caposcala può essere assimilato è quella del consiglio dei condomini.

Con la pronuncia in commento, quindi, la Corte di Appello ha respinto il ricorso dei condomini avverso la designazione da parte dell'amministratore di un caposcala addetto alla riscossione delle quote condominiali e dei pagamenti inerenti i consumi d'acqua: la nomina di un amministratore con le maggioranze previste dall'articolo 1136 del codice civile lo rende, infatti, legale rappresentante verso l'esterno dei condomini, in grado di gestire e conservare le parti comuni di un edificio sia autonomamente che attraverso l'ausilio di soggetti terzi.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Negoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invitoNegoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invito
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF