Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: via libera alle critiche verso l'avvocato che non rispetta il "dovere di verità"

Assolta dal reato di diffamazione una donna che in un esposto all'ordine aveva criticato l'operato del legale di controparte
Bilancia e martello

Il Codice deontologico forense prevede, in capo ai legali, un dovere di verità circa le dichiarazioni rese in giudizio, delle quali abbiano diretta conoscenza e che siano presupposto per un provvedimento del magistrato.

La professione forense, oltretutto, secondo quanto previsto dall'art. 3 della legge 31 dicembre 2012 n. 247, che detta la disciplina del relativo ordinamento, va esercitata con indipendenza, lealtà, probità, dignità, decoro, diligenza e competenza.

Ogni parte processuale ha quindi il diritto di criticare il legale che a tali principi non si adegui.

Tenendo conto di ciò, la quinta sezione penale della Corte di cassazione, con la sentenza n. 31674 del 21 luglio 2015, ha colto l'occasione per specificare che non può essere considerato diffamatorio il comportamento di una donna che, soggetta a decreto ingiuntivo, denunci presso il Consiglio dell'ordine di appartenenza l'avvocato del ricorrente per aver, a suo dire, prodotto a sostegno del ricorso documenti falsi, tali da far cadere in inganno il giudicante.

In riforma delle sentenze emanate nei precedenti gradi di giudizio, considerate errate per aver analizzato la legittimità del comportamento della donna soffermandosi esclusivamente sulle espressioni utilizzate al fine di denunciare il comportamento del legale, la Suprema Corte ha invece ritenuto indispensabile un'analisi che si addentri nel merito della questione, attraverso una verifica dei documenti prodotti.

Solo sulla base di tale indagine sarà possibile stabilire se la donna abbia davvero tenuto un comportamento diffamatorio nei confronti del legale o se il suo comportamento vada piuttosto scriminato dall'art. 51 del codice penale.

Qui di seguito il testo della sentenza.

Vai al testo della sentenza n. 31674/2015 della Corte di Cassazione
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF