Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la zia che non ha un rapporto affettivo costante non può adottare il minore

dichiarazione stato di adottabilità abbandono minore assegnazione parenti zia zio
Volto di una bambina
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione prima, sentenza n. 11872 del 9 Giugno 2015. In ambito di processo finalizzato all'accertamento dello stato di abbandono di minore dunque alla dichiarazione del suo stato di adottabilità, è legittimo che il giudice escluda l'audizione della zia dello stesso? Entro quali limiti i parenti del minore hanno diritto di essere sentiti? Nel caso di specie ricorre la zia di un minore del quale, accertata l'evidente incapacità genitoriale, nel merito è stata dichiarata l'adottabilità. La ricorrente, nonostante tempestiva domanda, lamenta di non essere stata ascoltata, impedendole quindi di provare la propria idoneità all'assegnazione del minore.


La Cassazione, nel fornire la soluzione alla questione, opera un'interpretazione dell'art. 12 legge 184/1983, normativa applicabile al caso di specie, sulla scia della giurisprudenza maggioritaria. “Detta disposizione, nell'indicare le categorie di persone che devono essere sentite nel procedimento per la dichiarazione di adottabilità, opera un riferimento ai parenti entro il quarto grado che abbiano mantenuto rapporti significativi con il minore, poiché il carattere vicariante della posizione dei congiunti diversi dai genitori ne comporta il coinvolgimento nel procedimento solo nei limiti in cui essi risultino attualmente titolari di rapporti affettivi forti e durevoli”. Per rapporto affettivo importante e durevole la Suprema corte intende la capacità di tale relazione di fornire al giudice elementi di valutazione utili alla definizione dell'interesse del minore, nonché appunto di essere valida soluzione alternativa alla dichiarazione dello stato di abbandono. Nei fatti questo tipo di rapporto, né attualmente né all'epoca di incardinazione del processo di merito, non sussiste; di conseguenza il giudice del merito ha correttamente escluso che l'audizione della zia della minore fosse determinante ai fini processuali. Il ricorso è rigettato. 

Vai al testo della sentenza 11872/2015
(19/06/2015 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Cassazione: il cliente deve mantenere rapporti periodici con il proprio avvocatoCassazione: il cliente deve mantenere rapporti periodici con il proprio avvocato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF