Sei in: Home » Articoli

Adoc denuncia pericolosità bevanda anti-sbornia

L'Associazione per la difesa e l'orientamento dei consumatori (dalla sede regionale pugliese), ha emanato un comunicato, in cui denuncia la pericolosità di una bevanda, di recente introdotta sul mercato italiano, che avrebbe effetti anti-sbornia. In sostanza, si tratterebbe di una bibita che permetterebbe a chi ha abusato di alcool, di attenuarne gli effetti negativi sull'organismo, ad esempio, tenendo sveglio l'individuo. Un'esperta nutrizionista dell'Adoc, Valeria Varvara, ha commentato la vicenda, sostenendo che la bevanda abbia ingredienti quali zuccheri, limone, melissa, liquerizia, dente di leone, vitamine e altri, che aiuterebbero l'organismo a smaltire più velocemente gli effetti negativi dell'alcool, anche attraverso una maggiore velocità di funzionamento del metabolismo sull'etanolo; inoltre, continua l'esperta, manterrebbe sveglio chi ha abusato di alcool e accelererebbe la fine dei disturbi da sbornia, nel giorno successivo all'abuso di alcolici. Tuttavia, sostiene l'Adoc Puglia, questa bevanda non ha effetti chiari sull'organismo e l'associazione dei consumatori denuncia la pubblicità ingannevole, che mira a tacere di eventuali effetti collaterali, esaltando solo presunti effetti miracolosi della bibita, che al momento il mondo scientifico non sarebbe in grado di confermare. Sta di fatto che le preoccupazioni di Adoc sono confermate dal sequestro di 20 mila bevande, ad opera dei N.A.S. in tutta la penisola, che ha ritenuto utile intervenire, per mancata comunicazione di alcuni ingredienti al ministero della salute.
Il prodotto sarà adesso analizzato dall'Istituto Superiore della Sanità e dall'Agenzia per la Sicurezza Alimentare di Parma.
(21/02/2011 - Emanuele Ameruso)
In evidenza oggi:
» Arriva la riforma del processo civile
» Condominio: condannato chi urla di notte per far smettere di abbaiare i cani
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss