Sei in: Home » Articoli

Censis: welfare a rischio con invecchiamento della popolazione. Nel 2010 5,4 mlioni di over 80

censis id9443.png
Secondo quanto rende noto il Censis gli ultraottantenni nel 2030 saranno 5,4 milioni con un incremento rispetto ad oggi del 54%. Inevitabile non pensare allora al sistema del welfare specie se si pensa che il 68% degli italiani è preoccupato per il proprio reddito in vecchiaia. Secondo il Censis ben un italiano su tre si sente a rischio di povertà e solo una percentuale minoritaria ritiene che il sistema di welfare fornisca una copertura adeguata. Ciò che più preoccupa, si legge nel comunicato stampa dell'istituto di ricerca, è la condizione di futuri pensionati.
"Il 28% degli italiani è molto preoccupato e il 40% abbastanza preoccupato per il fatto che il proprio reddito in vecchiaia sarà insufficiente a garantire un livello di vita dignitoso. I due dati sono superiori ai valori medi europei, pari rispettivamente al 20% per le persone molto preoccupate e al 34% per quelle abbastanza preoccupate" L'invecchiamento della popolazione certamente avrà il suo impatto sui futuri scenari sociali. Sempre nel 2030 "ci saranno 4 milioni di persone non attive in più a fronte di una diminuzione di 2 milioni di attivi". All'invecchiamento della popolazione - continua il censis - è poi "associato l'aumento delle malattie cronico-degenerative e delle disabilità, che richiederanno l'impegno di grandi risorse sul fronte assistenziale".
Altre informazioni su questo argomento
(19/12/2010 - N.R.)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF