Il segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, Donato Capece, replicando alle dichiarazioni della Sottosegretaria alla Giustizia Maria Elisabetta Alberti Casellati, si è dichiarato contrario all'ipotesi di garantire il sesso in carcere ai detenuti. La Sottosegretaria aveva proposto la realizzazione di stanze dove i detenuti potessero incontrare le proprie mogli per un intrattenimento di carattere sessuale-affettivo. Secondo Capece le priorità sono altre se si considera la grave situazione penitenziaria come ad esempio i gravi disagi connessi "alla presenza oggi nelle 200 galere italiane di oltre 67mila a fronte di 43mila posti letto con una conseguente pesante assenza di posti letto nelle celle tale da costringere molti detenuti a dormire per terra)".

Condividi
Feedback

(08/04/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi: