Sei in: Home » Articoli

Equo indennizzo: la competenza è della Corte d'Appello del distretto in cui si è svolta la causa protrattasi irragionevolmente nel tempo.

Una sentenza storica: la Cassazione, in tema di equo indennizzo, ha stabilito che, per non congestionare il lavoro della Corte d'Appello di Roma, in tema equo indennizzo, si dovrà proporre il ricorso presso la stessa Corte d'Appello in cui si è svolta la causa protrattasi irragionevolmente nel tempo: è stato questo l'esito della sentenza n. 6306 depositata il 16 marzo 2010. Le Sezioni Unite civili, hanno infatti deciso che per la localizzazione del giudice presso cui proporre al domanda, si dovrà assumere a fattore rilevante “la sede del giudice di merito distribuito sul territorio, sia esso ordinario o speciale, davanti al quale il giudizio è iniziato; ed al luogo così individuato attribuisce la funzione di attivare il criterio di collegamento della competenza e di individuare il giudice competente sulla domanda di equa riparazione, che è stabilito dall'art. 11 del codice di procedura penale ed è richiamato nel primo comma dell'art. 3 della legge”. Gli Ermellini hanno infatti precisato che la sentenza mira a diffondere il contenzioso sull'intero territorio nazionale invece di concentrare tutto il lavoro di una unica Corte D'Appello.
(26/03/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss