Sei in: Home » Articoli

Retribuzione: determinazione del minimo salariale

Condividi
Seguici

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con sentenza n. 8097/02, ha stabilito che “il lavoratore che deduce l'insufficienza della retribuzione corrispostagli dal datore di lavoro deve provarne solo l'entità, e non anche l'insufficienza, spettando al giudice di valutarne la conformità ai criteri indicati dall'art. 36 Cost.”. Sul lavoratore, però, incombe l’onere di provare l’oggetto su cui tale valutazione deve avvenire, ossia le prestazioni lavorative in concreto effettuate. Dal canto suo, prosegue la Corte, il giudice ha il dovere di enunciare i criteri seguiti, per consentire il controllo della congruità della motivazione della sua decisione.
(13/08/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: reato non portare il cane malato dal veterinario
» Cassazione: niente mantenimento se la ex è giovane e il matrimonio dura poco
» Fisco: cambia il calendario per la dichiarazione dei redditi
» Sanatoria per la tassa rifiuti non pagata
» Cassazione: nulla la notifica dell'atto al familiare non convivente

Newsletter f t in Rss