Sei in: Home » Articoli

Compenso per le professioni intellettuali

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 6224 del 29 aprile 2002, ha stabilito che i compensi spettanti ai professionisti per i lavori svolti nell?esecuzione di un contratto d?opera ex art. 2230 ss. cc. debbono considerarsi crediti di valuta. Essi non si trasformano in crediti di valore neppure nel caso di inadempimento del cliente. Ne discende che, in caso di mora, gli interessi su tali somme sono dovuti in misura legale, mentre, ai fini del riconoscimento del maggior danno da svalutazione monetaria, incombe sul creditore un orere di allegazione che dia modo di verificare l?esistenza concreta del danno in relazione alle qualitą personali del creditore e all?attivitą di fatto esercitata.
(12/06/2002 - Roberto Cataldi)
Le pił lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitą della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitą della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF