Sei in: Home » Articoli

Detenuta incinta: Cassazione, la sospensione della pena č decisione discrezionale del Tribunale di sorveglianza

Il Tribunale di Sorveglianza competente aveva applicato i domiciliari in luogo della sospensione della pena tenendo conto della pericolositā sociale
gravidanza madre
La I sezione penale della Corte di Cassazione ha affermato con la sentenza n. 48314/2014 che, nel caso in cui una donna incinta venga condannata alla detenzione, la decisione sulla sospensione della pena ovvero sull'applicazione della detenzione domiciliare spetta al Tribunale di Sorveglianza in via discrezionale

Il fatto storico da cui ha preso le mosse la pronuncia della Corte vede come protagonista una donna in stato di gravidanza condannata alla pena detentiva, alla quale il Tribunale di Sorveglianza competente aveva applicato i domiciliari in luogo della sospensione della pena

Tale scelta era giustificata, ad avviso dello stesso Tribunale, dal fatto che la detenuta aveva giā goduto in passato di una misura analoga, poichč neo-madre e che, al compimento dell'anno di etā della figlia, era riuscita a restare nuovamente incinta; la sospensione non poteva essere concessa in quanto il termine della pena era lontano e la detenuta, condannata per reati gravi, veniva ritenuta socialmente pericolosa

Nel caso di specie, la Corte di legittimitā ha ritenuto di non condividere le cesure mosse a tale decisione dal difensore della ricorrente, osservando che dal combinato disposto degli artt. 146-147 c.p.p. e 47-ter o.p. emerge il superamento dell'alternativa secca tra carcerazione e libertā e, pur in assenza di criteri di valutazione forniti dal legislatore, appare chiara la volontā del legislatore medesimo di garantire alla giurisdizione di sorveglianza "uno strumento flessibile, tale da consentire il superamento di circostanze negative collegate alla pericolositā sociale del soggetto, comunque in ogni caso bilanciando il diritto alla salute del condannato con le esigenze di tutela della collettivitā".
Cassazione Penale, sentenza 20 novembre 2014, n. 48314
(09/12/2014 - G.C.)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss