Sei in: Home » Articoli

Contraffazione alimentare, affare da 60 miliardi l'anno

La Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) ha nei giorni scorsi fatto il punto sulla questione gravissima dell'agropirateria alimentare, ossia dell'imitazione e della contraffazione dei famosi marchi alimentari italiani, che in Italia e nel mondo ci costano qualcosa come ben 60 miliardi di euro all'anno. Il calcolo dei danni è spaventoso, qualcosa come quasi 4 punti del pil ogni anno, che va verso le tasche di produttori mendaci stranieri, che associano volontariamente il lavoro nome a quello di prodotti italiani famosi, confondendo il consumatore e allettandolo con prezzi stracciati, ma senza assicurare la qualità e le caratteristiche dei nostri alimenti. Si va dal Parmesao in Brasile, che scimmiotta tristemente il nostro formaggio tipico al Provolone e all'Asiago del Wisconsin, che non meritano commenti.
E poi seguono il Regianito argentino, il “Daniele Prosciutto & Company”, imitazione del noto San Daniele, e tanti altri. E pensare che il 22% di tutti i prodotti agroalimentari registrati nella UE sono italiani, a conferma di quanto il settore sia importantissimo in Italia. Per questo la CIA chiede che vengano posti in essere misure di maggiore efficacia nel contrasto della contraffazione dei marchi alimentari, sia a livello nazionale, che agendo su base comunitaria.
(08/05/2011 - Emanuele Ameruso)
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF