Sei in: HomeGuide LegaliAffidamento dei figli ╗ Conclusioni

Affidamento figli: il punto sulla riforma del 2006

Alcune riflessioni sulla riforma del 2006 che ha impattato notevolmente sulla disciplina dell'affidamento dei figli, attraverso l'affido condiviso, il principio della bigenitorialitÓ e il diritto dei figli di essere ascoltati 

  1. Riforma 2006: le reazioni
  2. La centralitÓ del diritto all'ascolto dei figli
  3. La tutela della prole
  4. Affidamento condiviso e mediazione familiare
  5. Il principio di bigenitorialitÓ

Riforma 2006: le reazioni

[Torna su]
La riforma del 2006 ha sollevato una molteplicitÓ di reazioni. Da una parte c'Ŕ chi l'ha accolta con estremo entusiasmo, anche per un doveroso allineamento con i principi sanciti tanto dalla nostra Costituzione quanto da varie norme di diritto internazionale, a loro volta recepite, specie a partire dagli anni '90, da gran parte dei Paesi Europei. 

La centralitÓ del diritto all'ascolto dei figli

[Torna su]

Viene sottolineato con favore, innanzitutto, la nuova centralitÓ del diritto dei figli ad essere ascoltati fin dalla fase presidenziale e a mantenere contatti con entrambi i genitori, i quali sono fortemente stimolati a rapportarsi l'un l'altro con serenitÓ, maturitÓ e spirito di collaborazione, magari anche grazie all'intervento di organi di mediazione familiare. Si acclama, in particolare, la tendenziale eliminazione dei limiti di visita per i genitori non affidatari e l'estensione della tutela anche ai figli dei genitori non coniugati, i quali erano stati in precedenza del tutto trascurati dall'ordinamento. 

La tutela della prole

[Torna su]

La portata innovativa della riforma, oggi ormai consolidata, ha reso possibile traslare l'attenzione del legislatore dalla crisi coniugale alla necessaria tutela della prole, specie se minore d'etÓ, adottando strumenti processuali e di diritto sostanziale focalizzati su tale obiettivo. 

Affidamento condiviso e mediazione familiare

[Torna su]

Istituti come la regola dell'affidamento condiviso, la mediazione familiare, la possibilitÓ per i coniugi di negoziare le condizioni di separazione ha reso possibile, in molti casi, una cessazione degli effetti del matrimonio non eccessivamente litigiosa, nel rispetto dei legami costituitisi con i discendenti. 

Il principio di bigenitorialitÓ

[Torna su]

Inoltre, il nuovo principio di bigenitorialitÓ ha finalmente posto sul medesimo piano le figure di entrambi i genitori, escludendo che quello non convivente possa essere in qualsiasi modo penalizzato (ma richiedendo, d'altra parte, il medesimo contributo e impiego di responsabilitÓ da parte di tutti e due). Ci˛ ha consentito senza dubbio di conservare, sia sul piano giuridico che psicologico ľ a seguito dei cambiamenti delle abitudini e dello stile di vita di una societÓ dinamica quale Ŕ quella attuale - un clima di equilibrio e rispetto all'interno del quale la crescita armoniosa dei figli assume ruolo centrale.

Condividi
Seguici
Feedback

Newsletter f t in Rss